Le pillole di cultura di Onorati: ‘Amor di Patria’ per Foscolo, Mazzini e Garibaldi

— Ugo Onorati

di Ugo Onorati

Amor di patria

“Patria” significa sostanzialmente la terra dove sono nati e vissuti i nostri antenati (padri). In questo senso la interpretavano gli antichi greci e romani. Nel medioevo l’idea di patria terrena si confondeva con quella della patria celeste, la res publica christiana, ma già per Dante Alighieri la sua patria era Firenze e nessun’altra città. Il concetto contemporaneo di patria, che è abbastanza recente, si formò nel corso dell’Ottocento. Per reazione al fallito tentativo di Napoleone di riunire tutta l’Europa “dal Manzanarre al Reno”, cioè dalla Spagna alla Germania e oltre fino alla Russia in un unico impero multinazionale, nell’epoca del Romanticismo si elaborò un nuovo concetto di patria, volendo far coincidere questa con il territorio abitato da secoli da una specifica nazione, intendendo con questa uno o più popoli, governati anche in diversi stati, che abbiano in comune una lingua, un sentimento di appartenenza, tradizioni culturali e memorie storiche collettive.

Foscolo. La sua terra natale, patria (cioè “terra dei padri”) era l’isola di Zacinto, un’isola greca ma veneziana per lingua e tradizioni. Quando alla fine del 1700 giunse a Venezia, che allora era una repubblica e costituiva uno dei tanti stati dell’Italia di allora, fece un discorso al senato sul significato della patria. Questa è la terra cui ci si sente di appartenere, perché si condividono le memorie storiche, la lingua e le tradizioni del popolo che vi abita. In seguito, dopo il tradimento degli ideali democratici e di libertà, compiuto da Napoleone, e il conseguente esito mortale della Repubblica di Venezia, Foscolo cominciò a pensare che la patria degli italiani doveva essere l’intero territorio dell’Italia. Le divisioni che esistevano allora fra gli stati regionali della nostra Penisola, pensava Foscolo, non erano divisioni fra nazioni diverse, ma solo politiche e territoriali all’interno di una stessa nazione, quella italiana. Insomma la nazione e la patria degli Italiani era una sola: l’Italia, che doveva essere unita per dare una sola patria a un medesimo popolo: gli Italiani. A quel punto amare il proprio luogo natale (Zacinto) significava amare tutta l’Italia e viceversa l’amore per la Patria (Italia) significava amare anche la patria nativa.

Mazzini. il concetto di patria e di amor di patria si sviluppò in modo molto più completo durante il Risorgimento, grazie a uno dei più grandi pensatori che l’Italia abbia mai avuto: Giuseppe Mazzini. Egli sviluppò l’idea di “nazione”, che non solo coincide, ma supera quella di “patria”. Un popolo, che abbia una medesima lingua, un identico sentimento religioso, che abbia una memoria storica condivisa fra i suoi appartenenti e che soprattutto si riconosca in uno stesso percorso culturale: letteratura, poesia, arte, scienza, architettura ecc. può essere definito Nazione, anche indipendentemente dal luogo dove dovesse nascere, o abitare. Se per ipotesi gli Italiani andassero ad abitare sulla luna, continuerebbero ad essere Italiani, così come avveniva con i nostri emigranti in Argentina, o negli Stati Uniti d’America. Il luogo dove abita una Nazione è la Patria, se quel luogo è lo stesso dove hanno abitato “i padri”, cioè le generazioni che hanno preceduto quel popolo su quel territorio. A maggior ragione l’Italia è la patria degli Italiani se questi abitano da secoli in una terra dove è nato e vissuto Dante Alighieri, dove ha insegnato Galileo Galilei, dove si è sviluppato il cristianesimo, dove ci sono città come Roma, Firenze, Napoli, Milano, Venezia e Torino che conservano i monumenti di una lunga civiltà che chiamiamo italiana. Mazzini andò oltre. Pensò che le nazioni sono molte: quella francese in Francia, quella spagnola in Spagna, quella tedesca in Germania ecc. E ogni nazione funziona come se fosse un individuo con un suo carattere ben distinto, ognuna con la sua propria dignità da rispettare. Dunque nessuna nazione può o deve sentirsi superiore a un’altra, né deve minacciarla con una guerra, alimentando il desiderio di sottometterla o distruggerla. Quindi tutte le nazioni, come tanti diversi fiori di un giardino, devono vivere insieme, collaborare e rispettarsi per il bene di tutta l’umanità. Infine Mazzini concepì che le varie nazioni europee formano una più grande famiglia nazionale che è l’Europa. Per questo Mazzini si augurò che tutte le nazioni esistenti in Europa, pur nella loro diversità, si unissero per formare un grande stato internazionale, una federazione di repubbliche europee. Solo così sarebbero finite le guerre promosse dalle monarchie e dagli imperi a danno dei popoli e alla fine di questo percorso sarebbero arrivati la pace, il progresso e il benessere per tutti gli Europei. A due secoli di distanza da questi pensieri politici e filosofici possiamo dire che Mazzini è stato un precursore dell’Europa Unita, così come l’abbiamo desiderata e immaginata dalla fine dell’ultima guerra mondiale in poi.

Garibaldi. Era soprattutto un uomo d’azione, ma il suo pensiero si uniformava a quello di Mazzini per quanto riguarda l’idea di patria. Mentre Foscolo e Mazzini passarono gran parte della loro vita in esilio, lontani dalla patria che amavano a distanza, Garibaldi spese la sua giovinezza all’estero, in Sud America, per combattere a fianco di quei popoli, che pur parlando la medesima lingua, volevano la libertà dalla dominazione spagnola, così come avevano fatto gli statunitensi nei confronti degli inglesi. Egli sperimentò così, che senza libertà una nazione non può esistere, perché qualsiasi potenza straniera occupante gli potrà negare e perfino cancellare l’identità culturale. Altrettanto Garibaldi pensava che all’interno di una nazione, dove alcuni si arricchiscono a danno di altri, dove ci sono grandi differenze sociali, dove non si perseguono più i valori dell’onestà, del rispetto, dell’amore verso il luogo dove si abita e verso i suoi abitanti, alla fine l’amore per la patria non esiste più e la stessa nazione scompare. Una nazione è qualcosa di più di un popolo, una nazione è un popolo cosciente della sua lunga storia, che lo accomuna agli altri cittadini di quello stato, come fratelli di una stessa famiglia. Una nazione esiste, quando quelli che la formano amano non soltanto la patria (cioè il luogo dove abitano), difendendola da chi vuole distruggerla, ma soprattutto amano i propri connazionali, mostrandosi solidali e non egoisti, rivolti tutti insieme su un cammino di progresso, senza lasciare nessuno indietro.

 

Durante la prima metà del Novecento le idee risorgimentali di nazione e di patria si fusero con la malsana idea della supremazia delle razze per giustificare, gli imperi coloniali, e allora il concetto di patria si estese a tutti i territori, che si sarebbero potuti conquistare a vantaggio delle nazioni più forti, sottomettendo e sopprimendo le popolazioni locali ritenute più deboli o inferiori. È l’epoca del nazionalismo, delle guerre mondiali e delle pulizie etniche, come quella che gli italiani tentarono di fare a danno dei vicini iugoslavi, greci e albanesi. Dunque l’idea di patria è un mito, che si costruisce e che cambia a seconda dei periodi storici e delle convenienze delle classi dirigenti al potere. Quando qualcuno parla di “morte della patria”, a proposito della resa dell’Italia alle Nazioni unite dichiarata l’8 settembre del 1943, dice una cosa vera e non vera allo stesso tempo. Infatti allora è morta l’idea di patria fascista, che il regime si era data e che aveva inculcato con la propaganda nella testa della gente, ma nello stesso tempo stava maturando una nuova idea di patria, indipendente, repubblicana e democratica.

p. s.: Personalmente mi sento italiano e perfino marinese per l’identità culturale di appartenenza, ma avverto che la mia patria sia tutto quanto il pianeta, dove un unico essere umano ha iniziato il suo cammino due milioni e mezzo di anni fa. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*