Centro Anziani Frattocchie di Marino: dopo la manifestazione ancora più determinati sulla strada della legalità

— Claudio Bornaccioni e Alba Violetta La Bruna
Il Centro Anziani Frattocchie di Marino con i suoi dirigenti Bornaccioni e La Bruna commenta gli esiti della partecipata manifestazione di protesta degli anziani che si è tenuta il 26 novembre a Frattocchie.
Sabato 26 novembre” precisano in un comunicato il Presidente Bornaccioni e la Vice Presidente La Brunanonostante il tempo non favorevole abbiamo manifestato in tanti a Frattocchie davanti al Centro Anziani a via Nettunense Vecchia 32. Abbiamo spiegato come il Comune di Marino guidato dal Sindaco Cecchi ci abbia negato da oltre un anno le chiavi nonostante la Convenzione firmata il 10 novembre 2021.
Ringraziamo tutti gli anziani presenti e anche le tante associazioni con cui collaboriamo già da diversi mesi che hanno voluto essere a Frattocchie con i loro rappresentanti. Ringraziamo anche i molti cittadini che semplicemente sono intervenuti per capire e ci hanno ascoltato.
Ringraziamo le Forze dell’Ordine che hanno con il loro intervento consentito di svolgere nella maniera migliore l’evento.  Ringraziamo i politici presenti certi del fatto che questo evento sia stato utile e costruttivo nonostante le contestazioni di alcuni che sono voluti intervenire anche se erano stati precedentemente informati tramite PEC e comunicati stampa che la manifestazione non prevedeva spazio al microfono per i politici.  Anche le carte della Regione Lazio confermano la correttezza delle stipule delle Convenzioni avvenuta un anno fa e, in particolare si indica la nostra come assolutamente rispondente alle norme.  Ora ci prepareremo per partecipare al nuovo bando e contemporaneamente porteremo avanti le nostre attività per tutti i cittadini over 60 e non solo.
Una cosa è certa: il nostro territorio è carente di spazi sociali e troviamo assurdo che uno dei pochissimi luoghi di Frattocchie resti per la maggior parte del tempo inutilizzatoNon smetteremo di lottare affichè questo spazio sociale venga restituito alla collettività per il bene comune“.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

  1. Manifestazione molto partecipata, nonostate le minacciose condizioni meteorologiche, perché composta, principalmente, da persone che hanno spontaneamente condiviso appieno le motivazioni, in quanto in sintonia con il deludente protrarsi delle loro aspettative. Motivazioni che trovano riscontro nella rivendicazione del riconoscimento di un diritto acquisito, ma purtroppo, in pratica, di fatto mai concesso, dell’uso della sede del Centro Anziani di Frattocchie. A causa di un succedersi di pretestuosi appigli escogitati dall’Amministrazione Comunale, tendenti ad annullarne la legittimazione, ed, in ultimo, del rifiuto della stessa Amministrazione dell’ accettazione di un pacato confronto mirante a giungere ad una conciliante risoluzione della controversia.
    Comportamento incomprensibile, specie se si considerano le molteplici, inconfutabilmente meritorie, ed ampiamente apprezzate dalla Comunità, attività che l’osteggiata APS (Associazione di Promozione Sociale) porta avanti, con notevoli difficoltà realizzative, in ambienti di fortuna, purtroppo non consoni a tutti gli aspiranti partecipanti. I quali, loro malgrado, vengono così privati di quelle preziose occasioni di condivisione di distensiva vita sociale: provvidenziali per lenire le conseguenze di deprimenti condizioni di isolamento e/o per distrarre la loro mente dagli spesso gravosi problemi quotidiani, di varia natura, che li assillano.
    Per cui, ostinarsi a negare la fruizione di locali (che in pratica rimangono, da tempo, quasi per nulla utilizzati per lo svolgimenti di equivalenti attività) idonei al conseguimento del nobile scopo di venire incontro alle esigenze della categoria più vulnerabile della comunità, costituisce una vera e propria contraddizione con i principi fondamentali propri delle caratteristiche di un buon Governo.
    Governo, il cui espletamento dell’impegno amministrativo non dovrebbe dar adito a parzialità decisionali, e non palesare limiti nella disponibilità a recepire ed assecondare le non comuni, sane e disinteressate proposte ed iniziative, obiettivamente finalizzate al miglioramento delle condizioni esistenziali dell’intera cittadinanza.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*