XXII anniversario della morte del vice brigadiere Sandro Sciotti

Si è tenuta questa mattina la cerimonia di commemorazione in memoria del Vice Brigadiere dei Carabinieri Sandro Sciotti, Medaglia d’Oro al Valor Militare, che il 13 giugno di ventidue anni fa venne ferito mortalmente nel tentativo di sventare una rapina in un istituto di credito nei pressi di Piazza Palmiro Togliatti a Santa Maria delle Mole.
Il ricordo si è aperto con la Santa Messa presso la Parrocchia della Natività della Beata Vergine Maria a Santa Maria delle Mole, presieduta dal Cappellano Militare dei Carabinieri Don Donato Palminteri e dal Parroco Don Jesus Grajeda.
A seguire, dopo gli onori militari, alla presenza della vedova Claudia, dei figli Dario e Diana, del Sindaco Stefano Cecchi, accompagnato dall’Amministrazione comunale, del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma il Generale Marco Pecci, del Comandante del Gruppo Carabinieri di Frascati il Colonnello Alberto Raucci, del Comandante della Compagnia Carabinieri di Castel Gandolfo il Maggiore Davide Acquaviva, del Comandante della Stazione Carabinieri di Santa Maria delle Mole il Luogotenente Marcello Michienzi, del Comandante della Stazione Carabinieri di Marino il Luogotenente Simmaco Vigilante, dei rappresentanti del Commissariato Polizia di Stato di Marino, del Comandante del Gruppo Guardia di Finanza di Frascati la Maggiore Teresa Marchesano, del Comandante della Polizia Locale di Marino Giulio Bussinello, del Procuratore di Velletri Giancarlo Amato e dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo di Santa Maria delle Mole, insieme alle altre rappresentanze militari e civili, è stata deposta una corona d’alloro ai piedi della stele in Piazza Togliatti, proprio dove nel 2002 Sciotti fu assassinato.
Questo il commento e il ricordo del Sindaco Stefano Cecchi: “Mi stringo come sempre al dolore della famiglia di Sandro Sciotti, alla moglie Claudia, ai figli Dario e Diana, che hanno perso una persona a loro cara, che non dimenticheranno mai, così come non lo dimenticheremo noi, perché è proprio grazie alle persone come Sandro che è possibile affrontare i momenti di difficoltà. Vorrei che l’applauso a Sandro venga esteso a tutte le forze dell’ordine oggi presenti per l’impegno e la professionalità che ogni giorno mettono per garantire la nostra sicurezza. Il sacrificio di Sandro deve essere sempre ricordato, per continuare a valorizzare le idee e i valori per i quali ha dedicato tutta la sua vita”.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*