Venerdì 14 giugno: inaugurato il nuovo Circolo PD Marino Centro. Una nuova via per Marino?

Venerdì 14 giugno è stato ufficialmente inaugurato il Circolo PD di Marino Centro.

In un pomeriggio assolato, ma accarezzato da una piacevole brezzolina, molte persone sono convenute in Corso Trieste 92 per dare il saluto al nuovo Circolo del PD nato, su iniziativa di alcuni esponenti locali, per rilanciare l’azione del partito dopo anni di una politica locale che ha destato più di un interrogativo nella nostra città. Una politica ambigua stigmatizzata anche dalla nostra testata con ripetuti articoli, dal 2010 ad oggi, in cui abbiamo espresso critiche anche dure su molte scelte della vecchia direzione.

Erano presenti all’inaugurazione figure di spicco del PD nazionale e non solo come Marta Bonafoni, Daniele Leodori – Segretario PD Lazio, che non è voluto mancare ed ha sopperito all’improvvisa defezione di Riccardo Bartoli, designato Coordinatore del partito a Marino – Emanuela Droghei, Rocco Maugliani, tutti insieme per accompagnare in questo significativo momento la Capogruppo PD in Consiglio Comunale Franca Silvani e gli altri attivisti locali che a partire da Marco Comandini hanno creduto in questa iniziativa.

E siccome hanno sempre torto, vale anche la pena di sottolineare gli assenti: Sergio Ambrogiani, Domenico Trabalza senza dimenticare Gianfranco Venanzoni, tutti evidentemente collocati su chissà quale sponda del PD al punto da disertare l’evento e non partecipare neanche per fare gli onori di casa ai loro referenti.

Il clima di entusiasmo è stato accresciuto dai risultati conseguiti alle recenti elezioni europee, come sottolineato da Marta Bonafoni quando ha parlato del significato “di aver messo questa inaugurazione esattamente nella settimana in cui, finalmente dopo tanto tempo, festeggiamo“. Sia lei che gli oratori che hanno preso la parola hanno indicato le battaglie che dovranno essere portate avanti contro un Governo che nega:

  • la lotta al cambiamento climatico;
  • la libertà di manifestare democraticamente già nel Parlamento, come testimonia la recente aggressione alla Camera del Deputato 5 Stelle Donno da parte degli esponenti della destra leghista;
  • il salario minimo;
  • i diritti delle donne, indeboliti dalle iniziative contro l’applicazione della Legge 194/1798, per non parlare dell’impressionante tasso di femminicidi che si registra in Italia;
  • l’autonomia differenziata, progetto scellerato da sempre nel mirino di una Lega egoista e secessionista, oggi assecondato da una maggioranza complice;
  • premierato, tanto caro alla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e ad Antonio Tajani, epigono del fondatore di Forza Italia.

Ma non basta: nelle parole di tutti c’è stato il riconoscimento degli errori commessi in passato (“chiusi a riccio” ha detto Leodori) che hanno portato alla perdita di consensi e soprattutto la volontà di guardare alle altre forze del centrosinistra per ricostruire un’alleanza che offra un’alternativa agli elettori italiani anche per richiamarli alle urne, vista la percentuale di astensionismo delle recenti europee che ha superato la fatidica soglia del 50%.

Questo clima di apparente ritrovata armonia è stato ben accolto anche dai rappresentanti delle altre forze politiche che hanno preso la parola: Gabriele Narcisi e Barbara Cerro del M5S, Sergio Santinelli in rappresentanza del Partito Comunista, si sono associati nel dare il benvenuto al neonato Circolo rivolgendo lo sguardo in avanti per unire le forze. Marco Cacciatore, già consigliere regionale nella passata legislatura, è intervenuto per sottolineare l’importanza dell’unità delle forze di centrosinistra che, sotto la Giunta Zingaretti bis in regione Lazio, hanno messo a segno risultati importanti come l’approvazione del Piano Paesaggistico e del Piano Rifiuti che, per intenderci, non prevedeva la realizzazione di altri inceneritori.

Già, l’inceneritore è stato il convitato di pietra di questo evento, solo evocato senza andare oltre, comprensibilmente considerato che è un tema scottante ancora sul tappeto che vede da un lato la direzione del PD allineata a sostegno di Gualtieri e dall’altro Sindaci dei Castelli anche dello stesso PD schierati in aperta opposizione.

La linea della nostra testata Noi Cambiamo riguardo all’inceneritore è chiara: siamo e restiamo contro quest’opera e contro quella politica che vuole imporcela negando principi non negoziabili come la tutela della salute pubblica per logiche di profitto.

Ciò nonostante ci uniamo agli auguri nei confronti del Circolo PD Marino al quale offriamo la stessa franchezza di opinione che ci ha sempre contraddistinto nel bene e nel male, nell’auspicio per il bene del territorio che le forze progressiste presenti all’evento sappiano cooperare lasciando da parte individualismi e logiche elettorali per formare un fronte unito e credibile che lavori per il “bene comune” e non per qualche lobby  …
Di temi su cui lavorare ce n’è in abbondanza, solo per citarne alcuni: limitazione dei diritti democratici dell’opposizione in Consiglio Comunale, territorio abbandonato ed ormai affidato alle sole cure dei gruppi di volontari, ex Ostello e… l’inceneritore.

Chiudiamo prendendo a prestito le parole da uno degli interventi: sanare le ferite di “ieri”; fare tesoro dell’entusiasmo per ciò che nasce “oggi”; guardare con fiducia a “domani” per compattare un’area progressista che, guardando ai recenti risultati elettorali, potrebbe essere già in grado di costituire lo “spauracchio” per la maggioranza che governa a Palazzo Colonna e non solo.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

6 Comments

  1. Buonasera Ivano, Ti rispondo io che ho scritto l’articolo.
    Come potrai verificare rileggendolo, i temi locali – incluso l’Ostello – sono riportati al termine della cronaca senza fare alcun riferimento su chi li ha sollevati semplicemente perché era un’inaugurazione. Nel far ciò abbiamo invitato tutte le forze progressiste a confrontarsi ed unirsi da pari a pari perché sono temi che interessano tutti e le fughe in solitaria, o le dichiarazioni avventate, rischiano di produrre l’effetto contrario di quello sperato.
    Inoltre, non potrai negare che abbiamo dato spazio a tutti i momenti di questa battaglia obiettivamente e rendendone il merito al Comitato “Avanti Marino”: lo abbiamo fatto con la petizione e con le successive dichiarazioni/lettere di denuncia, lo ripeto, sempre riferendo che erano iniziative a Tua firma in qualità di Presidente.
    Ritengo quindi che queste Tue accuse di “censura” o, addirittura, di essere al servizio della menzogna, oltre a non corrispondere ai fatti siano alquanto mortificanti ed ingenerose. Noi ci limitiamo a riportare i fatti fedelmente senza affermare la “linea uguale e contraria” di chicchessia, se poi Marino riuscirà a cambiare dipende da tutti.

    Con immutata stima e rispetto Ivano, che sono certo di averTi sempre dimostrato, Ti saluto augurandoTi una buona serata.
    Arrivederci a martedì, Gianni.

    • Per quanto riguarda l’Ostello, per noi quel bene deve rimanere tale, ogni ordine, ricco, può tranquillamente trovarsi uno spazio privato, al piu’ anche uno pubblico se riporta un beneficio insindacabile alla collettivita’. Di certo la soluzione non è l’Ostello che come dico da quando ha chiuso nel 2015, deve essere una struttura ricettiva, che è unica nel panorama castellano. Non ci sono quindi fraintendimenti in quel che pensiamo. La responsabilità di questo stato di cose è tutta della maggioranza che fa e disfa, delle destre che hanno permesso allora la chiusura del sito. All’apertura della sede ognuno ha potuto porgere i saluti, qualcuno è andato oltre e lo ha potuto fare anche oltre i termini stabiliti, nessuno ha impedito o ostacolato un bel nulla, poi ci stanno le buone maniere che non tutti conoscono, ed il senso della misura che qualcuno non ha. Ricapitolando per i distratti, l’Ostello per noi è un ostello, aggiungiamo no al termovalorizzatore, ed un secco no alla cementificazione che vorrebbe la destra dei Fratelli del cemento. Ps: per la cronaca il PD mise manifesti in cui si invitava a votare Colizza, poi alcuni come noto fecero altro, di certo non soli ma accompagnati da altri partiti. Mi scuso anticipatamente di qualche errore non avendo con me gli occhiali

  2. Vorrei ricordare che il PD ha esposto le locandine che invitavano a votare per la destra al ballottaggio nelle ultime elezioni comunali
    E chiedere come è possibile che oggi quei grillini che sono stati così bravi a governare e ne sono stati pesantemente penalizzati, oggi si uniscano agli applausi
    Ieri rivali, oggi alleati

    • Gentile Lettore,
      evidentemente la nascita di un circolo di Marino Centro che dichiara una vocazione reale progressista, popolare e ambientalista – completamente diversa nella sostanza da quello del circolo S. Maria delle Mole intestato ai signori Venanzoni, Ambrogiani e Trabalza di cui ben si conoscono le qualità da svariati anni – di una dirigenza nuova del PD che critica la posizione assunta (definita ‘a chiusura a riccio’) del PD a Marino negli anni passati, dà una apparente aspettativa positiva a questo avvenimento che si manifesta nella stantiva situazione generale marinese.
      La Redazione

      • La domanda adesso è:
        Quali provvedimenti sono stati presi nei confronti di quanti a Santa Maria delle mole hanno disatteso così profondamente le aspettative del PD?
        Leggo che però una persona si è salvata dalle macerie pur avendo avuto ruoli importanti nella vituperata sezione di pianura

  3. Il pezzo riportato, relativo alla iniziativa di apertura della nuova sede del PD di Marino centro, è un pò “zoppo”. E’ zoppo perché non riporta l’intervento del Presidente del Comitato Avanti Marino!, Ivano Moretti, e forse perché ritenuto troppo critico nei confronti di un PD che in consiglio comunale non sembra affatto interessato alla tutela dell’interesse pubblico? Ma non è forse la democrazia che, fondata sulla Costituzione repubblicana, ha questo piccolo “difetto” e cioè la tutela del diritto di esprimere il proprio pensiero senza la pretesa che questo debba essere condiviso a prescindere? Un evidente atto di censura che non mi sarei aspettato dalla testata giornalistica online “Noi Cambiamo” che induce alla domanda: Ma Noi Cambiamo …in che modo? E cioè se il cittadino non dice quello che fa comodo, allora si toglie il diritto di parola? Ma questo però non sarebbe solo un “cambiamento” in peggio e non in meglio come si vorrebbe far credere? La critica, il dissenso, è il caso di ricordare, è il sale della democrazia e per questo dovrebbe essere tutelata e non emarginata o peggio ancora annientata. Il mio intervento, con cui non si volevano fare salamelecchi opportunistici, poneva la delicata questione della cessione gratuita dell’ostello all’ODCEC di Velletri, cui è interessato lo stesso PD. Al riguardo è stato chiamato in causa sia il sindaco Cecchi che ha approvato la DGC 118/23 e la DCC 70/23, ma che sollevava altresì le responsabilità dei consiglieri comunali, tutti, di maggioranza e opposizione, i quali non hanno espresso alcuna considerazione in proposito ovvero una opposizione sia alla cessione dell’Ostello, sia alla violenza nei confronti dei cittadini firmatari da parte del sindaco Cecchi, il quale ha deciso, contro ogni norma, di sopprimere il diritto di partecipazione (dlgs 33/2013) e di parola di 700 cittadini. Ma allora, Noi Cambiamo, sta al servizio della Verità ovvero della censura, della menzogna, purché si affermi una linea uguale e contraria a quella di Cecchi ? Marino, credo di poter dire, ha bisogno urgente si di cambiare, ma non nel modo indicato da Noi Cambiamo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*