Cronache dall’incontro pubblico sul tema dell’ex Ostello e l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (ODCEC) del Tribunale di Velletri

— AvantiMarino

Come preannunciato anche sul nostro giornale ieri si è svolto l’incontro pubblico sull’annosa questione della decisione della Giunta Cecchi di cedere gratuitamente una porzione dell’ex Ostello all’ODCEC. L’incontro è stato organizzato dal Comitato “Avanti Marino!” e condotto dal suo Presidente, il Dott. Ivano Moretti, con una partecipazione nutrita ed animata soprattutto nel finale, quando Marco Comandini, coordinatore pro-tempore del Circolo PD Marino Centro e di rientro dalla manifestazione nazionale a Roma contro il premierato e l’autonomia differenziata, ha preso la parola e che invertendo le regole temporali tipiche delle narrazioni andiamo a riferire per prima:

  • a dicembre 2023 l’ODCEC ha inaugurato la propria sede a Velletri, in Palazzo Romani;
  • quindi, a dire di Comandini, il problema dell’ex Ostello (chiuso dal 2013) non è più se darlo o meno all’ODCEC, ma quello di iniziare a progettare la sua destinazione in un’ottica più ampia di rilancio della città che comunque deve andare nella direzione della cultura e del turismo.

Al di là della notizia data, l’intervento di Comandini ha prodotto un certo fermento che non staremo a riferire, ma ha lasciato il posto ad una domanda: in tutti questi mesi di discussioni, articoli, denunce come mai nessuno sapeva o ha voluto far sapere che il problema è decaduto, ammesso che lo sia?

Ma sulle domande torneremo successivamente ed ora passiamo a farvi una sintetica elencazione, stavolta in ordine temporale, degli interventi svolti durante l’incontro, durato quasi 3 ore.

Partiamo da Ivano Moretti che, in qualità di conduttore dell’evento, ha fatto gli onori di casa introducendo l’argomento con un lungo excursus della vicenda iniziata con la Delibera 118/2023 – a suo dire passata nel silenzio dei Consiglieri – mettendone in evidenza tutte le irregolarità formali oltre che l’inopportunità della decisione.
A seguire hanno preso la parola, in qualità di “tecnici”:

  • l’arch. Rocca, progettista insieme al collega Batocchi dei restauri effettuati sull’ex Ostello in occasione dei mondiali di Italia 90 (1,6 miliardi di lire) e del Giubileo del 2000 (5,4 miliardi di lire), anno della sua inaugurazione fino alla chiusura definitiva. L’architetto ha illustrato con dovizia di particolari i complessi lavori svolti con l’obiettivo di realizzare una struttura ricettiva;
  • il prof. Francucci, storico dell’arte, che con una succinta ma coinvolgente esposizione ha descritto il significato dell’identità dei luoghi di Marino, partendo proprio dall’Ostello;
  • il dott. Abate, di Italia Nostra, il quale ha voluto riferire quanto dettogli dal Consigliere Venanzoni (ex candidato sindaco del PD e centrosinistra e parte della destra nel 2021) da cui è partita la proposta: all’insediamento dell’ODCEC sarebbe seguito quello di altri ordini professionali, tutti insieme avrebbero sistemato i propri uffici all’interno dell’Ostello lasciando il piano terra per le associazioni culturali marinesi. Peraltro, da responsabile della sezione Italia Nostra di Marino, ha espresso dubbi sulla conservazione della struttura ove destinata ad Ostello ed ha ricordato la proposta di ospitare il conservatorio (anche in memoria del grande Mozart che qui venne ospitato). Tuttavia ha anche chiesto di vedere un “business plan” che possa illustrare la redditività di un ostello, visti anche i risultati deludenti di quelli di Roma e Ciampino;
  • Mirko Laurenti, del Circolo Legambiente Appia Sud – Il Riccio, che si è soffermato molto sul concetto di “gestione condivisa” dei beni pubblici, soprattutto alla luce degli accordi sottoscritti con la Regione Lazio, tra gli altri, anche dal Comune di Marino. Partendo da questo concetto ha rivendicato la necessità che il Comune si apra al confronto con la comunità rendendo partecipata la decisione sulla destinazione dell’ex Ostello.

Terminati gli interventi “tecnici” si è passati a quelli che diremmo più “politici”:

  • Fabio Mestici, Segretario PSI di Marino, dopo aver stigmatizzato l’assenza di rappresentanti degli altri partiti (ma va detto che quelli dell’opposizione erano a Roma ad una manifestazione nazionale, compreso Comandini rientrato poi a tarda serata a Marino centro dove vive) ha evidenziato il conflitto di interessi in cui versa Gianfranco Venanzoni (ndr: suo candidato sindaco nel 2021 … sic!) in qualità di Consigliere di opposizione/ideatore della proposta/tesoriere dell’ODCEC, ha poi incoraggiato Moretti a proseguire la lotta chiamando all’unità le forze politiche;
  • Carlo Zelinotti, Presidente della Proloco Marino, che ha sottolineato l’importanza di una progettualità che rilanci tutta la città non solo per l’ex Ostello, ma anche per gli altri gioielli marinesi;
  • Ada Santamaita, già Assessora alle Attività Produttive e Commercio nella Giunta M5S di Colizza e rappresentante del Comitato di Quartiere Borgo Garibaldi, che al termine di un accorato intervento ha lanciato l’idea di formare un Comitato di Gestione per accompagnare alla rinascita l’ex Ostello;
  • Gianni Botta, dell’Associazione per il Cambiamento e redattore della nostra testata, che ha voluto ricordare l’attenzione riservata alla vicenda dell’ex Ostello da Noi Cambiamo sin da prima della petizione del Comitato “Avanti Marino!” (e ci perdonerà il suo Presidente Moretti), quando all’indomani della Delibera 118/2023 evidenziò le incongruenze di questa decisione rispetto al programma elettorale del Sindaco Cecchi e l’impegno messo dall’Associazione per il Cambiamento nella raccolta delle firme della petizione. Infine, ha ricordato anche la proposta avanzata di destinarlo a “studentato” (in realtà anche il Giubileo 2025 sarebbe stata un’ottima occasione, ma oramai è tardi);
  • Alberto Canestri, Presidente del Comitato Cittadino Celebrazioni per il Centesimo Anniversario della morte di Giacomo Matteotti, il quale ha ricalcato l’intervento di Zelinotti sollecitando una progettualità per la ripartenza della città.

Tornando all’intervento di Marco Comandini di cui vi abbiamo dato conto in premessa, sorge ora una domanda: adesso che, come sembra, l’ODCEC ha già una sua sede a Velletri sussiste ancora la necessità di cedere l’ex Ostello?

A differenza sua qualche dubbio lo abbiamo ancora perché il contenuto della famigerata Delibera 118/2023 (che potrete consultare al termine di questo articolo) sembrerebbe dire una cosa differente laddove viene deciso:

  • Di esprimere indirizzo politico favorevole alla concessione in uso all’ODCEC di Velletri di una porzione dell’immobile sito in Marino – Via Borgo Stazione n. 11 identificato al foglio MU particella 36 sub 1 (Ostello) ai fini dello svolgimento da parte di quest’ultimo, all’interno dello stesso, della propria attività istituzionale, attraverso successiva specifica Convenzione per il godimento dell’immobile.

Quindi, la cessione sarebbe finalizzata ad una non meglio precisata “attività istituzionale” che, Comandini ce lo consenta, è cosa un po’ differente da una “sede istituzionale”.

Come avrete capito la questione è complessa: perché l’Ostello (o ex, visto che c’è chi ne mette in dubbio l’efficacia) è un gioiello di storia che, al pari di molti altri, forma l’identità della nostra città; perché al di là dei costi farlo ripartire potrebbe rimettere in moto tutta la città; perché, infine, questa cessione ancora agita gli animi di molti e certo non aiuta il silenzio di un’Amministrazione che, iniziando dal Sindaco, più volte chiamata in causa non ha mai mostrato rispetto alle istanze dei cittadini, ignorandole (ma questo vale anche per molti altri casi).

Quindi non resta che sperare che il Sindaco Cecchi, finendola di trattare i marinesi come sudditi (o, alla peggio, come faceva il sor marchese …) ma come concittadini, spieghi quali sono i suoi progetti su questo pezzo importante di “cosa pubblica”.

A tal fine aspettiamo interessati di conoscere l’esito della mozione promossa dai Consiglieri di minoranza , di cui non si è parlato nell’incontro, per vedere se in un’Assemblea pubblica, ove convocata, il Sindaco e la sua Giunta diranno finalmente come stanno le cose e, magari, potremo anche sapere se esiste un’idea di Marino, la famosa progettualità, che vada oltre le festicciole di quartiere per i selfie del primo cittadino e l’annuale Sagra dell’Uva.

thumbnail of Delibera di Giunta 118_2023

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*