Rete Tutela Roma Sud ancora contro l’inceneritore di Gualtieri: esistono altri metodi …

Nuovo durissimo affondo di rete Tutela Roma Sud sul tema dell’inceneritore voluto da Gualtieri e che mai sarà pronto per il Giubileo del 2025 che è alle porte, come è evidente a tutti tranne a politica e giustizia.
“L’amministrazione capitolina ha dimostrato con la scelta del termovalorizzatore che non è al corrente dei progressi scientifici e resta ancorata, per inerzia mentale, a vecchi modelli tecnologici ormai superati.
Se fossero interessati a scegliere il meglio per Roma potrebbero fare un concorso per scegliere tecnologie meno impattanti, oppure consultare la prima università della Città. Oggi alla Sapienza c’era un convegno su questi temi e né Roberto Gualtieri
né Sabrina Alfonsi hanno ritenuto utile andare a sentire. Troppo impegnati a girare spot propagandistici nei cantieri del PNRR o a consegnare diplomi dei corsi di giardinaggio, come se fossero in una campagna elettorale permanente.
Non c’erano nemmeno giornalisti del Messaggero, del Corriere della Sera o di Repubblica, a testimonianza che neanche a loro interessa il meglio per la città.
Nonostante per noi la soluzione migliore sia Ridurre, Riusare e Riciclare, vogliamo saperne di più, per questo siamo andati a sentire, trovando conferma che il progetto imposto da ACEA è concettualmente vecchio di 30 anni.
Domani saremo alla
Biblioteca Tullio De Mauro

con

Legambiente Lazio

e dopo domani al

Parco Delle Energie Ex Snia Via Prenestina

con

WWF Roma e Area Metropolitana,
perché noi vogliamo il meglio per Roma!
Studiare, partecipare ai convegni, prepararci al confronto richiede tempo e lo facciamo perché crediamo di poter cambiare in meglio la città.
Non possiamo permettere che Roma sia resa schiava di ACEA-SUEZ fino al 2062!
‘È il tempo che dedichi alla tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante!’ “.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*