Carbonelli sul cemento: ‘stupefatto dalla manipolazione della realtà da parte del PD di Marino!’

di Gianna Santini –

L’affannosa corsa all’intestazione del merito del risultato ottenuto nello Stop al Cemento al Divino Amore ha avuto una accelerazione!

Dopo oltre 10 anni di lotte e a suon di costosi ricorsi al TAR Lazio da parte di cittadini e associazioni ambientaliste del territorio di Marino, a difesa dell’area verde da 100 ettari del Divino Amore tra Santa Maria e Frattocchie,  azioni fondamentali a livello locale da parte del M5S, il PD di Marino tenta piuttosto vergognosamente di prendersi il merito della vittoria.

Il Divino Amore, zona adocchiata da Palozzi, Cecchi e company  nel 2011 per realizzare una gigantesca speculazione edilizia in compagnia di Luca Parnasi, oggi è salvo.

Questa bella verità, tanto attesa dagli ambientalisti veri, è finalmente diventata realtà!

L’intera area, infatti, è stata inserita nel Parco dell’Appia Antica nel 2018, e la Corte Costituzionale da poche settimane ha confermato la totale correttezza di questa operazione. Ma questa vittoria parte da lontano e il PD di Marino, con il poco credibile candidato Venanzoni, figlio di costruttore e supportato nel PD da questa lobby locale ‘palazzinara’, con altri suoi colleghi  locali prova oggi ad appropriarsi di una vittoria che trova in molti altri soggetti, ma non certo nel PD marinese, i reali vincitori.

Marco Carbonelli

Per avere un ulteriore visione della questione ho intervistato Marco Carbonelli che ben conosce la materia e che è stato tra i fondatori nel 2011 di  ADAArgine via Divino Amore, comitato che da anni lotta contro il cemento al Divino Amore.

Marco, sarebbe molto interessante conoscere la tua versione dei fatti, anche visto il tuo silenzio sul tema e considerato che in queste ultime settimane il PD locale con Venanzoni e Ambrogiani ha rivendicato il merito dello stop al cemento. Cosa pensi di questi pronunciamenti?

Conoscendo bene la storia di questi ultimi 11 anni sul tema del cemento e del Divino Amore resto stupefatto dalla povertà politica anche in questa occasione del PD di Marino.

Venanzoni e Ambrogiani spiccano tra le persone che non hanno fatto nulla su questo tema dello stop al cemento. E non solo loro nel PD di Marino sono restati con le mani in mano. A parte Enzo Candi nel 2011 ed Eleonora Di Giulio tra il 2015-2016, nessun altro del PD odierno ha fatto niente contro il cemento a Marino.

Da questi signori che parlano modificando la realtà con le loro falsità né un finanziamento economico alle lotte al TAR –  costate ai cittadini di ADA oltre 20.000 euro ad oggi-, né una contrapposizione reale politica al progetto da dopo l’agosto 2011 a Palazzo Colonna, né un supporto al M5S di Marino dal 2016, vera forza locale fatta di grillini e formiche che ha di fatto ribaltato tutte le carte in tavola su questo tema e consentito di arrivare in tempo con i passaggi regionali e del MIBACT. Se non ci fosse stato poi l’arresto dell’Ass. regionale Civita del PD, con Palozzi e Parnasi nel 2018, e la conseguente paura di Zingaretti, il PD regionale non avrebbe fatto nulla tutti i livelli in questo ambito, come aveva già dimostrato negli anni precedenti. Ma come sapete, la giustizia in quell’occasione è stata, per una volta, puntuale, e bravi sono stati Cacciatore e la Bonafoni a presentare l’allargamento del Parco dell’Appia Antica.

Quindi ci stai dicendo che sono bugie quelle dette da Venanzoni e Ambrogiani sulla loro azione come PD locale per lo stop al cemento?

Se escono vari comunicati e un manifesto del PD, come è avvenuto, che inducono le persone a pensare che il PD di Marino si sia battuto per lo stop al cemento, è evidente che siamo di fronte ad una bugia, una falsità che ci definisce pure quanto poco valga e quanto sia inaffidabile questo PD locale agganciato al senatore Astorre. Praticamente parlare con loro è come parlare con il centrodestra e con Cecchi. Questi loro giganteschi errori di comunicazione mostrano davvero il livello basso di questo Partito Democratico locale nei suoi esponenti di spicco.

E sul silenzio dei cittadini di ADA cosa ci dici? Perché voi non siete saliti sul carro dei vincitori dopo il pronunciamento della Corte?

Perché le oltre 100 famiglie che hanno nel tempo finanziato Argine via Divino Amore e fatto i ricorsi al TAR sono persone serie, e hai ben ragione a indicare che fanno di diritto parte dei vincitori di questa battaglia. Mentre il PD con Venanzoni, davvero candidato debole e di cui a parte la relazione diretta con i costruttori locali  non si ricorda azione significativa per il bene della comunità locale, strombazzava per la sua campagna elettorale, ADA ha raccolto in silenzio nelle ultime quattro settimane altri 4000 euro per chiudere il conto al TAR come conseguenza degli atti della sospensiva che abbiamo chiesto nel 2020, atti risultati importanti per la Corte Costituzionale e il verdetto finale che ci ha visto tra i vincitori.

Persone serie quelle di ADA, non burattini  politicanti. Questo è lo spessore delle persone semplici, ma sane e determinate, che hanno caratterizzato ADA in questi lunghi anni.