Stefano Cecchi: un passato e un presente carico di … cemento

da Noi Cambiamo dell’8 febbraio 2021 –

Sono ormai abbastanza definiti i contorni della prossima campagna elettorale a Marino e i cinque candidati a sindaco che sono stati ufficializzati, almeno ad oggi, coprono in pratica la maggior parte dell’arco delle forze politiche locali.

Due candidati di centro destraStefano CecchiGabriella de Felice, un candidato civico fino a ieri, e per trent’anni, nella destra Fabio Martellauno per il PD e Italia VivaGianfranco Venanzoni, e uno per il M5S e altre due liste civicheCarlo Colizza, attuale Sindaco di Marino.

Tra i candidati del centrodestra, Stefano Cecchi è riuscito al momento ad aggregare, almeno all’apparenza, le principali forze nazionali con Lega Nord, Fratelli d’Italia e Forza Italia nel suo variegato gruppo di supporter.

Ma chi è il candidato Stefano Cecchi?

Certo non un neofita della politica a Marino, imprenditore nel settore della cura degli animali, con tentativi di imprenditoria diretta e indiretta nel mattone e nel cemento.

La storia locale lo ricorda dal 2006 come Assessore alle politiche animali nella prima consiliatura del centro destra a guida Adriano Palozzi, poi Presidente del Consiglio Comunale nella seconda tornata Palozzi dal 2011 al 2014. Nel 2014, alle nuove elezioni dopo l’approdo di Palozzi alla Regione Lazio, si schiera puntualmente a supporto del  nuovo candidato del centrodestra Fabio Silvagni, eletto sindaco e in breve tempo arrestato e condannato per corruzione nel 2015. Dal 2016 è candidato sindaco perdente e va all’opposizione durante la consiliatura a guida Colizza, con il gruppo del centrodestra che, attorno a lui, si riconosce: Pisani, Minucci e Lapunzina.

In questi 15 anni si è contraddistinto, oltre che per un alquanto discusso conflitto di interesse nel suo settore imprenditoriale quando ha ricoperto le cariche in maggioranza nel comune, per la ferma difesa della scelta del ‘cemento‘ come via della crescita.

Crescita urbanistica risultata abnorme almeno per un decennio a Marino, fatta di clientele, condannati e tanti indagati, almeno per le vicende del periodo dal 2006 al 2015. Questa crescita incontinente cementizia ha condotto al collasso molte aree del territorio: zona Palaverta a FrattocchieZona Santa Maria Nuova, varie aree di Santa Maria delle Mole, a Castelluccia-Fontana Sala e anche  Costa Caselle e la zona Paolina Marino centro.

Ma il vero piatto forte in gioco di questi anni di suo protagonismo nel centro destra è stato l’operazione del cemento al Divino Amore architettata con i suoi colleghi nel 2011, nel momento di massimo consenso del sindaco Adriano Palozzi. In quella fase Stefano Cecchi è stato Presidente del Consiglio Comunale, in pratica colui che portò ad approvazione il 3 agosto 2011 le numerose delibere urbanistiche che avrebbero potuto – se non fermate da cittadini, comitati e nuovo recente corso politico locale e regionale – distrutto oltre 100 ulteriori ettari di territorio verde meraviglioso tra Frattocchie e Santa Maria delle Mole.

Quale sarà il programma di Cecchi e della sua coalizione Marino 2021, imbottita in prima fila o ‘in panchina’,  di geometri costruttori?

Quali saranno le intenzioni sul cemento, oltre a tante spesso fumose parole delle sue dirette FB e del suo opuscolo elettorale #Diciamolo?

A dire da come si è battuto in Consiglio Comunale proprio sulla questione cemento al Divino Amore, difendendo dal 2016 al 2020 a spada tratta la nuova colata da 1.300.000 mc di cemento e l’arrivo di altri 15000 nuovi abitanti, si direbbe che sia ancora ben orientato verso il cemento.

Un ‘solido programma il suo, proprio nell’ambito che ha visto già devastare il territorio di Marino.