Tonino Dibello: il vecchio vizio dei politici che si rifugiano nella calunnia e la forza delle Energie Positive

di Antonio Dibello

Recentemente un assessore in carica presso il comune di Marino è stato oggetto di calunnia e menzogna da parte di avversari politici interessati alla prossima competizione politica. Prendo lo spunto da questa circostanza per fare alcune considerazioni. La prima è che la menzogna e la calunnia sono state molto spesso utilizzate in politica per colpire l’avversario: sono tanti gli esempi nella storia passata e recente. Per il passato già ne parlava Esopo: “Un pettegolezzo calunnioso non svanisce mai del tutto, se molti lo ripetono: anche la calunnia è una specie di divinità”.

Per il recente, nell’ultimo libro di Saviano sono riportati vari esempi di vite di donne e uomini che sono stati distrutte da calunnie volutamente diffuse per distruggere e annientare avversari che potenzialmente potevano disturbare il politico. Anch’io sono stato vittima di calunnie da parte di politici che molto probabilmente in quel momento mi vedevano come minaccia per il loro percorso. Quando non si riesce a controbattere le idee, quando si ha paura del comportamento corretto di un politico e non si hanno le capacità per contrastarlo altrimenti, l’inetto politico ricorre alla calunnia con la speranza ingannare gli elettori svolgendo attività denigratoria.

Le calunnie servono ad ingannare le masse, a indebolire l’appoggio delle masse per l’avversario e a rafforzare l’appoggio delle masse per il calunniatore e il mentitore.

Prepariamoci quindi ad assistere in questo ultimo scorcio di campagna elettorale (come sapete si vota il 3 e il 4 ottobre prossimo) ad ogni possibile diffusione di calunnia: se non c’è limite alla malignità degli uomini… figuriamoci a quella dei politici incalliti.

 Personalmente sono entusiasta di far parte della lista “Energie Positive”, quella delle formiche, costituita da persone che hanno alle spalle esperienze lavorative e di impegno nella vita sociale e associativa, e che nulla hanno da chiedere alla politica per motivi personali. E proprio per questo, i candidati della lista “Energie Positive” hanno la grande possibilità di mettere a disposizione della società le proprie  capacità intellettive e professionali per fornire il proprio qualificato contributo e dare alla città di Marino la dignità che le spetta. Un discorso che è già iniziato con l’amministrazione comunale in carica e che sarebbe importante che continuasse per i prossimi 5 anni per portare a termine attività che possono essere completate e migliorate.