Luciana Tacchia: Aeroporto di Ciampino, una battaglia che continua per la salute dei cittadini

di Luciana Tacchia, candidata al Consiglio Comunale di Marino per la Lista Energie Positive

Quante volte ci siamo sentiti dire ‘se compri la casa vicino all’aeroporto non ti puoi lamentare per il rumore‘. Ma in pochi sanno che già nel 2010, con la zonizzazione acustica aeroportuale, sono stati stabiliti dei limiti di rumorosità che però vengono regolarmente trasgrediti.

Noi cittadini, non possiamo sottovalutare i danni provocati dalla vicinanza all’aeroporto. Dalla concentrazione di polveri sottili che hanno effetti devastanti sulla salute umana e sulle coltivazioni, agli effetti dell’esposizione al rumore degli aerei che possono causare ipertensione, cardiopatia ischemica negli adulti e disturbi sulla capacità cognitiva ai bambini.

Nel 2018, con il decreto del ministro Sergio Costa, la regolamentazione si è fatta più concreta: i limiti sono stati fissati direttamente sul numero di voli per rientrare nella soglia di rumore. Un grande successo per noi cittadini di Marino, ottenuto con il grande sforzo del CRIAAC (il Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino) e il sostegno del Comune di Marino.

Purtroppo la gioia è durata poco, a causa del ricorso al TAR delle compagnie aeree Ryanair e Wizzair, che ha portato ad un primo blocco dell’attuazione del decreto e ad una attesa estenuante di circa due anni prima dell’uscita della sentenza che, giustamente, non dava seguito alle rivendicazioni delle compagnie aeree, consentendo finalmente l’attuazione della riduzione dei voli.

Anche questa volta l’entusiasmo è durato pochi giorni, quelli necessari alle compagnie low cost di fare ricorso al Consiglio di Stato a cui è seguita la nuova sospensione del Decreto. Noi cittadini di Marino dovremo rimanere con il fiato sospeso fino al 16 settembre, giorno previsto per la convocazione del giudizio e la successiva emissione della sentenza definitiva.

Comunque vada noi cittadini di Marino dobbiamo tenere sempre alta la guardia! Sono troppi gli interessi che ruotano intorno all’aeroporto di Ciampino e sembra che ci siano diversi esponenti politici che continuano ad interessarsi al business dell’aeroporto di Ciampino, nonostante la possibile riduzione.

Fa tremare la notizia che, nel mese di luglio, i Ministri leghisti dello Sviluppo Economico Giorgetti e del Turismo Garavaglia, abbiano incontrato l’Amministratore delegato di Ryanair il quale ha sottoposto la richiesta di fermare la riduzione dei voli a Ciampino, proponendo grandi investimenti e un aumento dei voli fino a 200 al giorno, che significa mediamente il passaggio di un aereo ogni 4 minuti sulla nostra testa. Richiesta sostenuta dalla illusione che la riduzione del rumore si possa ottenere con una massiccia introduzione dei voli silenziosi nella flotta, i 737 Max, ben conosciuti per i fatti di cronaca: 2 aerei precipitati durante la fase di decollo a Giacarta (2018) e Addis Abeba (2019), per tali incidenti è stata anche fermata la produzione per un lungo periodo.

L’Aeroporto di Ciampino è un piatto ghiotto per i giganti del business, per contrastare qualsiasi politica orientata all’incremento, dei voli noi cittadini di Marino dobbiamo supportare le iniziative del CRIAAC e non affidarsi ad organizzazioni che propongo di spostare il rumore da Santa Maria delle Mole a Frattocchie e viceversa, mettendo i cittadini l’uno contro l’altro.

Il 3 e 4 ottobre noi cittadini di Marino possiamo fare un’altra azione importante per il futuro dell’aeroporto rinnovando il mandato all’Amministrazione Colizza che in questi anni, ha dimostrato concretamente la volontà di difendere la linea sulla riduzione dei voli di e non avere altro interesse che per la salute dei cittadini, senza subire pressioni dai politici nazionali o locali che vogliono affidare Aeroporto di Ciampino la soluzione per rilanciare il turismo a Roma.