Urbanistica: le verità, le contraddizioni e le soluzioni

ponteggio

ponteggioLa qualità della vita è peggiorata ma sembra non ci siano responsabili. Palozzi scarica su Onorati, Onorati su Palozzi. Abbiamo approfondito i temi urbanistici e dagli atti emergerebbero chiare responsabilità.

Le verità

L’amministrazione Desideri è la principale responsabile dell’idea di aumentare, quasi raddoppiandola, la popolazione di Marino, edificando in tutto il territorio. L’amministrazione Onorati ha colpevolmente approvato la variante generale al PRG avviata da Desideri e non ha inviato alla Regione le controdeduzioni con le quali si poteva ridimensionare l’impatto negativo sulla qualità della vita. Onorati è stato fatto cadere (dagli stessi che ora dicono di sostenerlo) e non ha potuto mantenere l’impegno scritto preso con la Regione di effettuare una variante di salvaguardia per correggere la mancanza degli standard previsti dalla Legge.

Le contraddizioni

Palozzi afferma di non avere responsabilità. Questo è insostenibile per un sindaco che ha governato 5 anni. Perché non ha chiesto alla Regione di avviare una variante di salvaguardia per la verifica degli standard urbanistici che, palesemente, sul nostro territorio non sono stati rispettati? La Regione stessa aveva fatto questa segnalazione all’atto dell’approvazione della variante generale (ottobre 2004) e lo ha ripetuto a novembre 2008 nella Commissione Urbanistica del Consiglio Regionale. L’amministrazione Palozzi, invece, ha adottato numerose nuove varianti urbanistiche che porteranno sul nostro territorio molti nuovi abitanti in aggiunta a quelli già previsti dall’assurda variante generale approvata da Onorati. Da parte nostra riteniamo molto grave da parte di Palozzi fornire ai cittadini una versione contraddittoria e insostenibile rispetto agli atti concreti da lui adottati.

Le soluzioni

Il movimento che sostiene Tammaro Sindaco propone:

  1. il lancio di un forte programma di riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente secondo logiche di risparmio energetico con prestiti agevolati ai privati in caso di lavori affidati ad imprese artigiane locali;
  2. l’immediata approvazione di una variante di salvaguardia con verifica degli standard urbanistici;
  3. il fermo della concessione di nuovi Permessi a Costruire fino al ripristino degli standard urbanistici previsti dalla legge nazionale 1444/68 (che prevede la dotazione minima inderogabile di mq. 18 per ogni abitante da destinare a spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico, scuole, parcheggi etc.).

tenuta Tudini - Marino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*