Marino: ACC organizza iniziativa contro la cementificazione venerdì 29 giugno ore 18 a Santa Maria delle Mole

Pubblichiamo il comunicato integrale del 26 giugno 2018 di ACC – Assemblea Contro la Cementificazione

L’ “Assemblea contro la Cementificazione” organizza venerdì 29 giugno   alle ore 18.00 in Piazza Togliatti a S.Maria delle Mole una nuova iniziativa pubblica per discutere della situazione riguardante il   “Masterplan” da un milione e trecentomila metri cubi e 12.500 nuovi  abitanti approvato nel 2011 dall’allora giunta  Palozzi.

Come abbiamo sostenuto sin da subito, gli interessi dei costruttori come   Parnasi e di fondi di investimento come DeA Capital–Idea Fimit sono   andati a braccetto in modo trasversale con numerosi esponenti politici   di centro-destra e centro-sinistra ai quali si sono aggiunti di recente   anche politici del movimento 5 stelle (la lega era già interna tramite   il centro-destra a queste dinamiche). Il “Masterplan” di Marino si è dimostrato pedina di scambio per le   speculazioni di importanti società che hanno operato in questi anni   anche per la paventata costruzione dello stadio della Roma e del   relativo business park cercando di by-passare qualsiasi reale interesse   pubblico pur di cementificare centinaia di ettari di verde.

Evidenziamo che a due settimane dagli arresti e dalle intercettazioni   rese pubbliche dalla procura di Roma nessun partito politico presente   nell’assemblea capitolina, in quella marinese e in quella regionale ha   portato la questione nella rispettiva aula consiliare. E probabilmente   la discussione sull’inchiesta denominata “Rinascimento” non farà mai   parte di nessun ordine del giorno di nessuna amministrazione coinvolta.  Parnasi e i suoi collaboratori hanno finanziato tutti i partiti, senza   distinzione alcuna, perché i suoi progetti dovevano andare in porto a   qualunque costo.

La situazione marinese fu direttamente gestita dall’ex sindaco ed   attuale vice-presidente regionale Adriano Palozzi insieme all’allora   presidente della Regione Lazio Renata Polverini che con un accordo di   programma da noi contestato in ogni sede decisero che 200 ettari di Agro   Romano avrebbero dovuto sparire a vantaggio di palazzi e centri   commerciali.  La situazione non cambiò con l’ascesa di Zingaretti che tramite   l’assessore Civita non si preoccupò mai di contrastare i piani dei   costruttori, anzi, come dimostra l’ultima inchiesta era anche   quest’ultimo arruolato a pieno titolo tra i faccendieri di Parnasi.

L’idea di Parnasi era di rivendere a DeA Capital per 200 milioni di euro   i terreni di Tor di Valle (comprati a 40 milioni) e di riacquistare   quelli marinesi sempre da DeA Capital per 25 milioni. Questi terreni che   valevano poco sono così diventati oggetto di una spaventosa   rivalutazione che avrebbe portato 140 milioni di euro a vantaggio di   Parnasi utilizzando quanto evidentemente imparato durante qualche   partita a “monòpoli”.

Con il cambio di giunta comunale a Marino, in questi anni abbiamo continuato a chiedere di annullare/revocare le delibere cementizie e   fermare i cantieri a Mugilla, ove costruttori locali hanno già distrutto   metà di quanto vorrebbero, circondando le scuole elementari e per   l’infanzia con palazzine in piena area verde e archeologica.

Finora, i provvedimenti presi dall’amministrazione comunale sono stati   molto timidi eppure sono stati impugnati da DeA Capital e costruttori   locali. Oltre la promessa di Palozzi di far pressione sul sindaco marinese Colizza per sbloccare la lottizzazione di via Divino Amore   (480.000 metri cubi tra commerciale e residenziale) emerge l’interesse   di Lanzalone, presidente dell’ACEA, dirigente di area “5 stelle”, il   quale per il suo “interessamento” aveva ottenuto la promessa di ricevere   in cambio quasi 100.000 euro tramite false consulenze a favore della   società Ecovillage,  Ecovillage è direttamente coinvolta nella speculazione marinese e   Lanzalone avrebbe dovuto fare pressione sull’amministrazione “cinque   stelle” per mandare avanti il progetto di devastazione di via del Divino   Amore.

Nel 2011 non c’era alcun interesse pubblico nel paventato “recupero di   standard urbanistici” sostenuto da Palozzi per giustificare tutta   l’operazione speculativa. Lo denunciammo sin da subito, e infatti manca   ad oggi ogni progetto di servizio pubblico per ulteriori 12.500   abitanti.

In virtù di questo e per la salvaguardia delle minime condizioni di   vivibilità del territorio continuiamo a chiedere la revoca delle   delibere inerenti il “Masterplan” del 2011 e tutti gli atti conseguenti   alla quale si deve aggiungere la confisca di tutti i terreni delle   società coinvolte e l’ampliamento del perimetro del Parco dell’Appia   Antica. Solo con tali provvedimenti verrà messa un’unica grossa pietra sopra gli   appetiti dei palazzinari e dei loro sodali politici. Ogni altra   iniziativa che gira intorno alla questione senza bloccarla   effettivamente lascia spazio al malaffare, alla corruttela e infine alla   distruzione di un prezioso spazio di decompressione dalla metropoli   sempre più – inutilmente – estesa.

ASSEMBLEA CONTRO LA CEMENTIFICAZIONE –

gro.i1566716188tatne1566716188vni@o1566716188tneme1566716188cpots1566716188 — http://stopcemento.noblogs.org

thumbnail of Comunicato Stop Cemento 26 giugno 2018

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*