Venerdì 23 novembre presso la Sala Lepanto, nuova luce sulle ricchezze archeologiche di Frattocchie, l’Antica Bovillae

Venerdì 23 novembre alle ore 18 presso la Sala Lepanto di Palazzo Colonna di Marino, a cura degli iscritti di Italia Nostra di Marino, Marco Bellitto studioso e divulgatore di archeologia, esporrà nuove entusiasmanti considerazioni e approfondimenti sull’Antica Bovillae, l’odierna Frattocchie.

Nonostante l’antropizzazione dei luoghi, i suoi studi suscitano nuovo interesse nelle vestigia degli antichi monumenti che ancora si possono ammirare percorrendo la Via Appia e le frazioni di Marino. Prendendo spunto dal libro “A spasso per Frattocchie”, edito da Aracne, Marco Bellitto illustrerà con l’ausilio di numerose mappe, illustrazioni e foto, il nucleo più importante dei monumenti di Bovillae, fra il XII e il XIII miglio dell’Appia Antica.

Tra i punti salienti, un approfondimento della “Statio ad Bobellas”, la prima stazione di sosta lungo la Via Appia partendo da Roma. Di particolare interesse è il probabile rinvenimento del Sacrario della Gens Julia, titolo di cui si fregiava il clan familiare dell’imperatore Augusto e dei suoi eredi, che li faceva discendere direttamente da Enea, venerato nell’antica Roma. Si tratta di persistenze archeologiche che fanno riferimento all’antica Albalonga, da cui provenivano i fondatori di Bovillae.

Verrà illustrato il famoso portale cinquecentesco di Via Spinabella, ed esaminata la sua probabile attribuzione ad Antonio da Sangallo il Giovane, che nel primo trentennio del ‘500 lavorò alla realizzazione di alcuni edifici dei Castelli Romani. E’ un viaggio nel tempo e un riconoscimento alla città di Marino, che vi porterà a conoscere luoghi e personaggi che hanno caratterizzato la storia universale e fornito motivi letterari ad alcuni dei più grandi scrittori di tutti i tempi. Ingresso gratuito.

Per informazioni: Marco Bellitto, tel. 347 409 1491 Email: ti.oo1563630245hay@m1563630245ottil1563630245leb1563630245

Altri articoli che potrebbero interessarti:

4 Comments

  1. Marco Bellitto un esempio per tutti, la prova che con tenacia e perseveranza si riesce a far risplendere cimeli perduti! Un piacere sentirlo parlare giorno dopo giorno!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*