Consiglio Comunale: la Multiservizi ha chiuso in attivo il bilancio, sono infondate le paure sul fallimento della partecipata. Ecco l’audio del dibattito …

— Consiglio Com su MultiServizi

E così il Consiglio Comunale straordinario del 20 maggio sulla Multiservizi si chiude con una buona notizia: la Multiservizi, azienda controllata dal Comune di Marino, contrariamente alla campagna informativa lanciata dall’opposizione che parlava di fallimento, ha chiuso il suo bilancio 2018 con un attivo di oltre 16 mila euro.

L’aspro dibattito, che ha visto la sala consiliare colma di personale della partecipata, si è svolto prevalentemente in modo civile e interessato. Certo la notizia che la Multiservizi è in attivo (e non in fallimento con circa un milione di euro di disavanzo come aveva evidenziato l’opposizione dai documenti disponibili sul 2018) è stata scandita a piena voce dal Sindaco Colizza, tranquillizzando la folta rappresentanza di cittadini e smontando le argomentazioni di una opposizione che era pronta, giustamente dal suo punto di vista, a contestare l’operato e la guida di una società in forte perdita.

Colizza, nel suo intervento che potrete sentire insieme agli interventi principali dell’opposizione nell’audio pubblicato in fondo all’articolo, ha evidenziato che la Multiservizi:

  1. potrà tranquillamente affrontare il suo futuro con entrate certe legate al servizio offerto;
  2. che verranno assunte a tempo indeterminato e con concorso pubblico nuove forze per consentire un miglioramento dei servizi e, in particolare, l’espletamento del porta a porta su tutto il territorio;
  3. che è ferma intenzione dell’amministrazione tutelare al contempo il lavoro e i servizi forniti ai cittadini attraverso la sua partecipata.

Nell’audio potrete ascoltare anche gli interventi e lamentele dell’opposizione a riguardo della tardiva disponibilità della documentazione e della mancata convocazione di una Capigruppo trimestrale sulla situazione della Multiservizi. Su questo ultimo punto il Presidente del Consiglio Narcisi si è scusato pubblicamente assumendosi la responsabilità della mancata convocazione e impegnandosi ad evitare tali lacune nel futuro. Ha però evidenziato come la documentazione sia stata regolarmente messa a disposizione dell’opposizione con l’usuale accesso agli atti, quindi nel rispetto delle norme. Inoltre, la maggioranza ha accolto la proposta dell’opposizione di formare una commissione paritetica sulla Multiservizi e ha invece votato una pregiudiziale sull’ultimo punto che voleva una ulteriore discussione sulla gestione della Multiservizi, chiudendo intorno alle 20 il consiglio comunale. Quest’ultima decisione sulla pregiudiziale è stata fortemente contestata dall’opposizione e ha dato motivo di lamentela sulla presunta ‘non trasparenza’ che ha dettato la decisione della maggioranza.

Resta, sintetizzando, la buona notizia di una società controllata in attivo che, anche con i fondi della Città Metropolitana dedicati al Porta a Porta, ha superato pure dal punto di vista economico la delicata fase di avvio del nuovo servizio che a breve sarà diffuso anche nel Centro Storico, ultima area da coprire.

Per finire una nota sul nostro web magazine: volevamo anche stavolta andare in streaming per la seduta, avevamo fatto richiesta, avuto autorizzazione e tutto era pronto per lanciare i link della diretta quando il nostro pc dedicato a questo servizio ha deciso di smettere di funzionare. Lo scriviamo per i molti leoni da tastiera che passano ore sulle chat e non sono mai stati ad un consiglio comunale o ci sono venuti solo in questa occasione, per rincuorarli sulla totale volontaria e gratuita disponibilità delle persone del nostro team di redazione anche in questa occasione. Non c’è stata purtroppo la diretta ma potete ascoltare l’audio del passaggio principale del consiglio, così vi potrete fare, cittadini e anche i leoni da tastiera, delle opinioni sentendo le argomentazioni dei diversi attori politici. Buon ascolto!

Audio della riunione del consiglio comunale del 20/5/2019

Altri articoli che potrebbero interessarti:

8 Comments

  1. La lunga ed articolata disamina del signor Roberto, relativamente all’operato della Multiservizi e degli organi amministrativi comunali, Sindaco in testa, richiederebbe un confronto trasparente con le forze politiche ed i Cittadini. Il silenzio della Multiservizi non depone a favore di questa doverosa trasparenza. Le forze politiche di opposizione dovrebbero farsi sentire ed agire in modo più incisivo, poiché i soldi dei Cittadini dovrebbero essere sempre rendicontati, ed il silenzio degli attuali amministratori fa a pugni con la sbandierata trasparenza del M5S.

  2. Spett.Le NOICAMBIAMO, Gentile Team,
    Vi ringrazio per la risposta e per l’integrazione al vostro pubblicato articolo ( che cambia non poco il messaggio politico e amministrativo ), riferito al presunto disavanzo della Multiservizi dei Castelli di Marino, oggetto di argomento ( non discusso ) nell’ultimo consiglio comunale.
    Entrando nel merito della vostra risposta al mio quesito – se avevate potuto verificare la documentazione della MSCM – percepisco che siete in possesso di documenti contabili, e/o corrispondenza tra quest’ultima ed il Comune di Marino, tanto da formulare una severa critica sull’ operato dell’ amministratore delegato Dott. Bravetti che, a vostro scrivere ”appare discutibile come risultati e gestione della partecipata”. Conoscendo lo scrupolo con il quale studiate le problematiche che affrontate, deduco che avete analizzato i dati finanziari legati ai singoli servizi contrattualizzati con il Comune di Marino e le inefficienze gestionali imputabili all’amministratore delegato. Allora la domanda è d’obbligo! Compatibilmente con i vostri impegni extra volontariato ( anch’io mi occupo di volonatariato e comprendo, nonchè apprezzo, il sacrificio e tempo che dedicate alla vostra associazione ) perchè non pubblicate questi documenti cosi da informare i cittadini sulla situazione economica finanziaria della MSCM? E come si concilia la dura critica che fate al Dott. Bravetti, con la decisione della maggioranza che in consiglio comunale ha neutralizzato il dibattito e la possibilità di ascoltare le due campane politiche, lasciando aperto il dubbio che in effetti un problema esiste e non sarebbe affatto superato dall’utile di esercizio di 16 mila euro dichiarato dal Sig. Sindaco?
    Avendo risposto in parte alla mia domanda e, senza alcun vostro obbligo, per completezza del primo articolo ed a supporto delle vostre critiche all’amministratore della Multiservizi, evidentemente documentate, potete articolare le criticità che avete riscontrate nel suo operato?
    Io da cittadino ed elettore dei 5 Stelle vorrei conoscere le criticità che avete sollevate, visto che il Sindaco ha compresso il dibattito proprio su questo tema.
    Nel finale della risposta che mi avete dedicato, concludete che non avete tempo di occuparvi delle schermaglie politiche ( dagli articoli che pubblicati sembra il contrario, ma è probabile che sbaglio io a leggere ) e mi chiedete se voglio farlo io!
    Senza polemica, per carità, a me piace il dibattito e confronto delle idee, rispetto il vostro lavoro di associati, però nella mia domanda del 24 u.s., non ho vi ho chiesto nulla in merito alle questioni politiche, o schermaglie come le avete definite.
    Tuttavia da cittadino, senza entrare nel campo politico, che pure ha alto valore democratico, ritengo di poter dare sereno contributo al tema della trasparenza amministrativa e della sua gestione, avendo condiviso il principio della partecipazione attiva dei cittadini alla vita pubblica e mi piacerebbe che quanto concordato con gli elettori sia attuato costantemente per metodo e merito.
    Restando nel tema dell’utile della MSCM ( molto tempo prima dell’ultimo consiglio comunale, ho attivato l’istituto dell’accesso civico generalizzato presso la direzione della MSCM, chiedendo i documenti che trimestralmente devono essere inviati al Sindaco, Presidente del consiglio etc…, al fine di poter valutare in autonomia la gestione di questa nostra partecipata, ma ad oggi nulla è pervenuto ), è bene sapere che i numerosi servizi affidati dal Comune alla Multiservizi, sono preceduti da apposito contratto finanziario che specifica la convenienza rispetto al mercato e deve garantire l’equilibrio economico dello stesso – cioè a dire che il servizio non può costare di più rispetto al contratto approvato dal Consiglio comunale – Questo non sono io a dirlo ma le norme che regolano queste tipologie di rapporti economici finanziari e le autorità di controllo quali la Corte dei Conti. Tant’è che ogni anno il consiglio comunale è chiamato alla verifica sulla razionalizzazione dei servizi, dei loro costi e dell’opportunita di mantenerli in House o metterli a gara pubblica.
    Quindi acclarato che i servizi sotto contratto non devono essere in perdita, avendo concordato ex ante il quantum, ne deriva che l’utile generato dalle cinque Farmacie comunali, da destinare all’azionista è di solo 16 mila euro dopo le tasse. E’ tanto? E’ Poco? Considerato che parliamo di utile derivante dalla vendita di beni, mi sembra un pò pochino, rispetto ai ricavi che superano i tre milioni di euro l’anno. Se invero, l’utile fosse di molto superiore, vorrebbe dire che parte di questo è utilizzato per coprire il disavanzo di altri servizi. E qui, stante i continui rilievi della Corte dei Conti, si potrebbe verificare un primo duplice problema giuridico e finanziario? Giuridico perchè il contratto di qualche servizio non è stato rispettato in termini finanziari da Parte di MSCM? e finanziario in quanto l’utile destinato all’azionista, quindi al Comune, ai cittadini, viene ridotto in danno alle casse comunali? Ed in tale caso i dirigenti comunali incaricati del controllo analogo, che relazioni hanno inviate al Sindaco e al Presidente del Consiglio comunale?
    Sempre acclarato che i servizi devono essere preceduti da un contratto con equilibrio economico finanziario, pongo l’attenzione al finanziamento della Città metropolitana di Roma Capitale ( circa 1,3 milioni di euro per il servizio del porta a porta). Nel consuntivo 2018 pubblicato sul sito del Comune di Marino, non ho rinvenuto tra i residui attivi l’accertamente di credito proveniente dalla CMRC, quindi non riesco a capire come possa essere utilizzato un credito non accertato in contabilità? ( qui però potrei aver letto male i documenti e probabilmente i Dirigenti finanziari – ne abbiamo due a Marino, di cui uno Architetto – sapranno dare opportuni chiarimenti ). Neanche nel Piano Finanziario Rifiuti, approvato dal Consiglio comunale nel 2018 e poi modificato nel 2019 dalla Giunta Comunale, c’è traccia del contributo della Città Metropolitana di Roma. E pertanto mi resta difficile capire come possa intervenire a favore dei maggiori costi ( extra contratto ) generati da MSCM.
    Detto ciò, che non mi sembra poco, qualora il suddetto credito fosse stato accertato con variazione di bilancio nel c.a., sarebbe comunque un’accertamento di credito, non di cassa e, a mio avviso, non completamente utilizzabile. E questa mia valutazione, basata sulla Determina della CMRC che ha stanziato 1.3 milioni di euro, fa il paio con quanto riportato nella delibera di consiglio comunale del 2017, che ha approvato il capitolato del servizio rifiuti affidato alla Multiservizi.
    In tutte e due gli atti amministrativi è ben specificato che il finanziamento, che si attiverà dopo docidi mesi dall’avvio del Porta a Porta ( luglio p.v. ), sarà erogato con modulazione dello stesso in funzione dei risultati conseguiti da MSCM.
    E allora altra domanda!
    Se il contributo non è accertato nel bilancio comunale e non è previsto nel piano finanziario rifiuti, come entra nel bilancio della Multiservizi? E siccome la TARI è un servizio che va coperto al 100% con le tariffe pagate dai cittadini, vuol dire che i maggiori costi dei rifiuti vanno pagato dagli stessi con il conguaglio di fine anno e, quando sarà disponibile il credito approvato dalla CMRC, sarà restituito ai cittadini.
    Tanto detto, con le dovute precauzioni del caso, se non confutato con diversi fatti contabili, prevederebbe che la Multiservizi nel 2018 ha avuto maggiori costi rispetto a quelli contrattualizzati con il Comune di Marino, con sensibile perdita di esercizio e probabile mancato controllo ”analogo” del Comune, sottaciuto al Consiglio Comunale.
    Chiudo, segnalandovi che nel mese di aprile u.s. , da cittadino, avevo attivato l’accesso agli atti presso la multiservizi, per aver i documenti contabili non coperti da segreto, ma non ho avvuto alcun riscontro.
    Vi ringrazio per quanto potrete fare per chiarire i mie esplicitati dubbi e considerazioni.
    Buon lavoro
    Roberto Di Falco

  3. Noicambiamo, prima di scrivere questo articolo, ha potuto visionare i documenti della Multiservizi, è sincerarsi che le preoccupazioni che giravano erano infondate?
    Voi che.potete, essendo giornalisti indipendenti, perché non appeofondite la verità documentata e ci informate con vostra disamina?
    Ringrazio anticipatamente e resto in attesa di vostre valutazioni.
    Cordiali saluti.

    • Gentile Lettore,
      gli approfondimenti da noi fatti, considerando che siamo certamente ‘indipendenti’ ma anche ‘occupati in altro’ (inteso in senso lavorativo) nel nostro pur strutturato team (e quindi il tempo per mandare avanti il tutto è davvero poco), confermano le risultanze di quanto descritto sinteticamente nell’articolo. Articoliamo dunque di più il nostro pensiero: una serie di segnalazioni nel tempo di tipo negativo e piuttosto a mo’ di ‘scaricabarile’, durante il 2018, da parte di un amministratore, il dott. Bravetti, che appare discutibile come risultati e gestione della partecipata e un sostanziale ribilanciamento finale, lecito e alla luce del sole perchè scritto sui bilanci senza trucchi, con i fondi della Città Metropolitana per lo scopo della PaP.
      Come ha letto, abbiamo ritenuto giuste le richieste e le critiche dell’opposizione sulla questione delle cifre – è sempre bene che l’opposizione sia attiva in una democrazia – pur se durante il consiglio l’opposizione stessa ha, per quel che abbiamo potuto sentire, asserito una quantità significativa di cose inesatte sui servizi e sul futuro dei lavoratori solo al fine di aizzare gli animi dei tanti presenti in una specie di teatrino, cose che, nei fatti, non corrispondono a quanto dichiarato dalla maggioranza e che sono contraddette dalle stesse carte discusse.
      Il resto si è risolto in una contrapposizione prettamente di natura politica, con una scelta inutilmente rigida, a nostro modesto avviso, della maggioranza, ma comunque lecita, di non ridiscutere punti già in gran parte analizzati o superati totalmente dai nuovi numeri: ma delle dinamiche legate alle schermaglie politiche non abbiamo proprio il tempo di occuparci.

      Vuole farlo lei? Ci scriva e pubblicheremo la sua nota.

      ll Team di Noi Cambiamo

    • Ben vengano approfondimenti ed analisi supportate dai documenti, in modo da dare a tutti i cittadini interessati la possibilità di farsi una propria idea, non guidata da personali ideologie politiche di parte. Sembra molto complicato a volte, anche con questa amministrazione, ricevere risposte e documenti che interessano materie importanti del nostro territorio. La questione della Muliservizi, sull’operato della quale vi sono forti critiche da parte di tanti marinesi, è molto importante. La trasparenza e lo spirito di servizio consiglierebbe un atteggiamento diverso, soprattutto ad alcuni Dirigenti. Non dovrebbero dimenticare mai che sono pagati dai Cittadini ed hanno il dovere di dare risposte chiare e celeri.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*