Aggiustamento di bilancio: 4 milioni di euro per il territorio nel 2019. Dibello e Blasetti rispondono in consiglio ad un teatrale Cecchi

© Tutti i diritti riservati dall'autore. Vai al sito originale.

​Il Consiglio Comunale di Marino del 10 giugno ha visto approvare da parte della maggioranza M5S il bilancio 2018. Per il terzo anno consecutivo si registra un importante risultato di amministrazione che consentirà di investire sul territorio circa 4 milioni di euro; fondi ancora una volta assicurati dalla maggioranza ‘grillina’ senza nuove lottizzazioni edilizie e senza nuovo cemento a Marino. Inoltre tramite razionalizzazioni di spese e percentuali di ribasso nelle gare mai viste negli ultimi anni, verranno destinate importanti risorse come annunciato dall’assessore Ciolfi, anche per i settori della cultura, della scuola e per nuovi interventi sul territorio per le strade, per la sicurezza, fino al supporto sistematico delle feste storiche, dalla sagra dell’uva a quelle della tradizione più antica della pianura di Marino. A breve la Giunta del sindaco Colizza varerà un nuovo piano triennale delle Opere che evidenzierà tutti gli interventi superiori ai 100.000 Euro che saranno pianificati a breve.

Puntualissimi i Revisori dei conti (rinnovati con il nuovo sistema del sorteggio dagli elenchi del Ministero dell’Interno) hanno evidenziato nella loro relazione miglioramenti da richiedere per i prossimi anni agli uffici ed alla controllata sia nei tempi sia nel dettaglio dei documenti da presentare ai Revisori. E’ seguito ampio dibattito sulla relazione dei Revisori con commenti tecnici da maggioranza e opposizione e con la sottolineatura dell’Assessore al Bilancio Ciolfi del valore politico di un bilancio che di nuovo consentirà di pianificare interventi sul territorio per oltre 4 milioni di Euro già nel 2019.

Da segnalare, dopo l’ennesimo intervento esageratamente teatrale dell’ambizioso cons. di centrodestra Stefano Cecchi, una risposta puntuale e decisa del cons. di maggioranza Antonio Dibello che ha con semplici ed efficaci parole elencato tutti i disastri trovati e in gran parte sanati in tre anni dalla maggioranza – disastri lasciati proprio dalla Compagnia di centrodestra di Cecchi, Palozzi e Silvagni – come il cemento incontrollato su tutto il territorio e in particolare la speculazione da 15000 abitanti al Divino Amore, la raccolta dei rifiuti stradale con altissimi costi delle discariche e riciclo sotto il 20% penosamente raggiunto dal centrodestra in 10 anni di governo, le scuole pubbliche del territorio tutte in sofferenza per gli impianti e per le manutenzioni insufficienti, senza più aule disponibili a causa della crescita demografica provocata dalle scelte urbanistiche scellerate proprio di Cecchi e Co.,  senza realizzazione di servizi primari e secondari sul territorio, fino al risultato del Piano di Emergenza Comunale che prima non esisteva e che oggi è a servizio della comunità.

Paonazzo dal furore, il consigliere Cecchi ​ – ​che recita davvero male il ruolo di ‘verginello’ in politica dopo il suo decennale sodalizio con Palozzi e Silvagni​ – ha con la sua dialettica agitata cercato di controbattere, ma i fatti sono fatti e chi ha memoria non dimentica la distruzione del territorio ed il peggioramento della qualità di vita a cui si è assistito.

Ci saranno certamente tante cose da migliorare e da fare, e tante critiche serie da muovere alla maggioranza del M5S” ammette in un suo intervento il consigliere M5S Alessandro Blasetti ma i cittadini che non hanno interessi di bottega o posizioni preconcette ricordano bene cosa è successo a Marino dal 2006 al 2015 e riconoscono bene quei politici di lungo corso che ora vanno in mezzo a rovi di spini e materassi abbandonati a farsi  book fotografici per coprire le situazioni di disagio urbanistico da loro stessi creati“.

Fortunatamente le bugie hanno le gambe corte, specie se a dirle sono personaggi ben noti da circa un ventennio per la loro smisurata ambizione non supportata nè dai fatti nè da significative reali competenze.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*