Mercoledì 3 luglio incontro pubblico sul progetto di “Congiungimento del Parco dell’Appia Antica e del Parco dei Castelli Romani a Marino: una grande opportunità da non perdere”

Gli iscritti di Italia Nostra di Marino (Sez. Castelli Romani) invitano la cittadinanza all’incontro pubblico che si terrà mercoledì 3 luglio alle ore 17.30 alla Sala Lepanto di Marino (Palazzo Colonna) sull’importante progetto del “Congiungimento del Parco dell’Appia Antica e del Parco dei Castelli Romani”. Il congiungimento darebbe luogo ad un grande area riservata ai parchi, unica in Europa, che si estenderebbe dalle Mura Aureliane nel centro di Roma fino ad includere l’ambito dei Castelli Romani, mettendo finalmente in risalto tutte le aree di significato storico, archeologico a paesistico della Roma antica a sud di Roma, nonché il pregiato agro romano. Il congiungimento avrebbe una risonanza immensa a livello internazionale, divenendo una delle più celebri attrazioni di Roma, e consentirebbe non solo di tutelare per le future generazioni la culla dell’antica cultura Romana, ma anche di conferirle un’incalcolabile capacità di attrazione turistica. All’incontro parteciperanno:

  • la Prof.ssa Alessandra Capuano, ordinario dell’Università La Sapienza in Progettazione Architettonica e Urbana, esperta in progetti di valorizzazione del patrimonio culturale;
  • la Prof.ssa Annalisa Cipriani, professore di Storia dell’Arte, Vicepresidente della Sezione di Roma di Italia Nostra, di cui è Responsabile delle attività dell’Appia Antica e Referente dell’Educazione al Patrimonio Culturale di Roma e Lazio:
  • il Dott. Paolo Lupino, Direttore del Parco Regionale dei Castelli Romani;
  • il Dott. Fabrizio Piccari, del Parco Regionale dell’Appia Antica;
  • il Prof. Andrea Trinca, Assessore all’Urbanistica del Comune di Marino, ingegnere, architetto paesaggista, docente esperto di biourbanistica;
  • il Dott. Enrico Del Vescovo, Presidente della Sezione di Italia Nostra dei Castelli Romani;
  • il Dott. Paolo Montanari, archeologo, cultore del retaggio storico della provincia di Roma;
  • il Dott. Mauro Abate, di Italia Nostra, tutela legale del retaggio storico di Marino, relazioni internazionali e turismo ecososteni­bile , nonché Moderatore.

Aspetti importanti riguardo il congiungimento dei due parchi:

  • La tutela nella zona di congiungimento verrebbe rinforzata, mettendola al riparo dall’incombente speculazione edilizia e dall’abusivismo, che incalza quotidianamente;
  • Darebbe l’avvio a nuovi studi archeologici su Bovillae, la città romana antica più vicina a Roma, fondata da Albalonga;
  • Rinfocolerebbe le radici e l’identità di Frattocchie e Santa Maria delle Mole, l’antica Bovillae, tutelandone il proprio patrimonio archeologico e storico-culturale, incalcolabile, introvabile, ed irripetibile, dandole un impulso a progredire con fiducia;
  • Farebbe decollare il turismo di Frattocchie e Santa Maria delle Mole, che sarebbe finalmente fondato su un’area turistica di interesse primario, e in grado quindi di attrarre realmente visitatori;
  • Consentirebbe di spezzare il circolo vizioso che rende solo l’edilizia un settore redditizio. I costruttori cercano di convincere la collettività che la cementificazione porta a posti di lavoro e reddito. In realtà si tratta di una grande perdita, poiché pochi cittadini realizzano ingenti guadagni a scapito dell’ambiente, del patrimonio storico-archeologico, e quindi d’irripetibili risorse e numerosi posti di lavoro. Ogni giorno sono persi grazie alla cementificazione posti di lavoro in agricoltura (specie di quella viti-vinicola, con produzione di vini pregiati), nel turismo ecosostenibile, nell’artigianato.

Per informazioni: moc.l1568711046iamg@1568711046ealli1568711046vob.a1568711046letut1568711046  – Tel. 3332420210

Altri articoli che potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. I residenti saranno sempre tutelati. Si e’ nella fase progettuale, e’ presto per parlare di gestione della manutenzione. Grazie per l’interesse e cordiali saluti.

  2. I residenti sul tratto di Appia antica in questione, saranno tutelati? La manutenzione sarà periodica,è gestita da chi??? Grazie

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*