Chiusura del primo anno del progetto “La Nostra Buona Stella”, modello integrato di welfare community sul territorio dei Castelli Romani

 Termina l’anno scolastico ed anche i partner del progetto La Nostra Buona Stella concludono il primo dei tre anni del Progetto.

In particolare la Fondazione Il Campo dell’Arte ha completato la prima fase del percorso triennale del progetto, avviato con la Scuola Media Umberto Nobile e con l’IIS di Via Romana di Ciampino. Un itinerario didattico-creativo che si è delineato e precisato percorrendolo accompagnati dalle dirigenze delle due scuole dai vicari e dagli insegnanti che hanno dedicato attenzione e competenza agli obiettivi posti.

La Fondazione, in collaborazione con l’Associazione Arianna ONLUS, sta realizzando iniziative coniugando insieme tecniche artistiche e arte-terapia integrate tra loro, per costruire percorsi utili alla crescita dei giovani: per stimolare la consapevolezza di se, l’attenzione all’altro, l’integrazione nel gruppo, l’espressione libera di se, con i segni e le forme del fare artistico e con la presa di possesso delle proprie emozioni e della propria fisicità.

Ha supportato la costituzione del “Movimento dei giovani attivisti creativi” e posto in atto azioni per un’arte partecipata, con forte valenza etica e sociale e con destinazione pubblica, realizzando itinerari e momenti di comunicazione con nuove modalità di dialogo tra arte e territorio, dove l’artista-animatore propone nuovi modi di partecipazione attiva nel contesto della comunità e si fa portatore di politiche di trasformazione della società.

Lavorando con gli studenti la Fondazione il Campo dell’Arte vuole creare ragazzi consapevoli ed in grado di restituire all’arte la sua centralità elaborando percorsi per i nostri tempi, che rispondano ad esigenze creative, siano pubblici e prevedano un ruolo attivo dei cittadini.
Il fare artistico quindi è posto al servizio degli studenti per una loro maggiore consapevolezza e adesione ai problemi umani, sociali ed ambientali del proprio territorio.

Si è attuato inoltre una riflessione sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie per prefigurare una figura di operatore d’arte che sia consapevole e quindi “conservatore” dei valori tradizionali del fare. Un fare che si è espresso nei secoli attraverso una manualità carica di straordinarie qualità costruttive ma che è necessario oggi coniugarlo nella contemporaneità con l’utilizzo delle nuove tecnologie.

Una serie di incontri con esperti hanno avviato la conoscenza della modellazione tridimensionale e la realizzazione dell’oggetto finito con la stampa 3D.

L’obiettivo è di rinnovare l’immagine dell’artista-artigiano come nuova figura di “costruttore-creatore” che abbia in sé la sapienza del fare e la capacità di dominio delle attuali “macchine intelligenti”.

Il progetto La Nostra Buona Stella prevede azioni coordinate tra istituzioni locali, scuole e terzo settore per costruire un modello integrato di welfare community sul territorio dei Castelli Romani, con processi che facilitino e promuovano la consapevolezza dell’importanza dell’apprendimento e la centralità della relazione educativa per la crescita degli individui, con particolare attenzione all’accoglienza e integrazione dei ragazzi a rischio di esclusione sociale. La finalità principale è quella di costruire una proposta educativa integrata che possa prevenire e arginare i fenomeni di dispersione legati alla condizione personale e/o famigliare degli studenti e offrire una vera opportunità di crescita a tutto il sistema educativo territoriale. Sarà costruito un modello di comunità educante formalizzato per sperimentare, modellizzare e disseminare azioni di sostegno diretto ed indiretto al sistema educativo stabilendo un’intesa formale su vasta scala tra i soggetti pubblici e privati coinvolti a vario titolo nei problemi educativi, per costituirsi in vera “comunità educante” finora rappresentata soltanto da scuole e famiglie.

Il Progetto mira a dare un contributo per potenziare sia l’offerta di servizi sociali che di quelli educativi, attraverso l’istituzione di uno sportello di ascolto e di orientamento, anche psicologico, presso ogni scuola partner, rivolto oltre che agli adolescenti alle loro famiglie finalizzato all’accoglienza, all’ascolto, all’individuazione delle problematiche e delle conflittualità. Gli incontri potranno avere anche una funzione informativa rispetto ai processi evolutivi tipici della fase adolescenziale oppure riguardare aspetti più operativi e di orientamento verso i servizi del territorio in caso di disagi evidenti e/o situazioni altamente problematiche. Parte di tale attività sarà la sensibilizzazione sul tema della solidarietà familiare, così da farla conoscere e poter creare una rete di famiglie disposte a partecipare e su cui saranno attivati seminari di sensibilizzazione e attivati percorsi di contatto con istituzioni solidali esterne al partenariato per segnalare sia le necessità che le disponibilità delle famiglie.

La comunità prende in carico i soggetti più deboli, li sostiene in un percorso di crescita e lavora in modo sinergico per rimuovere le cause scatenanti il disagio e l’esclusione e nel fare questo costruisce e migliora se stessa attraverso l’empowerment dei suoi componenti, in un processo di learning by doing circolare che assurge a modello di intervento compiendo uno sforzo di modellizzazione utile al trasferimento dell’esperienza in altri contesti sia interni al territorio che esterni.

Partner del progetto sono:

  • L’Associazione Arianna Onlus capo-progetto
  • Regione Lazio;
  • Comune di Albano Laziale;
  • Comune di Castel Gandolfo;
  • Comune di Marino;
  • CNR – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali;
  • Scuola Media Statale Umberto Nobile;
  • Istituto Comprensivo Antonio Gramsci;
  • Istituto Comprensivo Primo Levi;
  • Istituto Comprensivo Santa Maria delle Mole;
  • Istituto d’Istruzione Superiore “Via Romana 11/13”;
  • Impresa Sociale Borghi Artistici;
  • Gnosis Cooperativa Sociale Onlus;
  • Fondazione Il Campo dell’Arte;
  • CRIF Centro di Ricerca sull’Indagine Filosofica;
  • Associazione di Promozione Sociale Il Colle Incantato;
  • SOS Teniamo la Famiglia Onlus;
  • Marino Aperta Onlus;
  • Cooperativa Sociale Prassi e Ricerca Onlus;
  • Centro di ricerche e studi sui problemi del lavoro dell’economia e dello sviluppo – CLES srl;
  • Punto a Capo Onlus.

Info: Associazione Arianna 320/1630860 moc.l1563634396iamg@1563634396annai1563634396ra.en1563634396oizai1563634396cossa1563634396 ;

Francesco Tanda – Resp. Comunicazione progetto 3387819330 moc.l1563634396iamg@1563634396adnat1563634396f1563634396

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*