La cementificazione del Divino Amore arriva al TAR: il coraggio del M5S di Marino contro la mega colata, con i costruttori che chiedono oltre 280 milioni di danni

— Davide contro Golia per la speculazione del Divino Amore di Marino © Tutti i diritti riservati dall'autore. Vai al sito originale.

Il 19 luglio 2019 il TAR ha convocato le parti, i Costruttori ricorrenti (tra questi Consorzio Ecovillage, Le Mole due, Cristina, Futuro Immobil Italia, Arcadia 2007, Dea Capital Real estate) contro il Comune di Marino. Nonostante i numerosi ricorsi e depositi dei cittadini, non sono stati convocati dal Tribunale amministrativo il comitato  Argine via Divino Amore (ADA), Italia Nostra e gli altri comitati che dal 2011 aveno ricorso in prima persona per fermare la cementificazione. Il TAR è restato in silenzio per 8 anni, praticamente muto ed inerte, e ora discute i ricorsi presentati nel 2018 dai costruttori per i risarcimenti.

Così va il mondo qui da noi in Italia, la chiamano giustizia amministrativa.

Ora, lo scontro che ha visto dal punto di vista politico il M5S fermare la colata di cemento di 1.300.000 mc del Divino Amore nelle aule di Palazzo Colonna dal 2016 ad oggi, colata voluta da personaggi ormai storici come Palozzi, Silvagni, Cecchi (i bravi governanti … esperti e competenti ) e tutto il centrodestra nel periodo 2011-2015,  si sposta nelle aule del TAR.

Il M5S di Marino guidato dal sindaco Colizza, con in prima fila l’assessore all’urbanistica Trinca, con Giunta e Consiglieri comunali, ha mantenuto con coraggio e puntualità l’impegno assunto in campagna elettorale nel 2016: fermare la folle cementificazione del Divino Amore – combattendo come Davide fece con Golia – e avendo ad oggi la meglio. Dei Consiglieri grillini orgogliosamente “oltranzisti” sull’ambiente, come li ha definiti lo stesso Adriano Palozzi in una delle sue conversazioni intercettate dalle forze dell’ordine per cui è sotto processo penale.

La richiesta di risarcimento dei costruttori è gigantesca, quasi 300 milioni di euro, ed è stata usata più volte come arma di pressione sui Consiglieri di maggioranza in questi anni. Ma i Consiglieri del M5S hanno coraggiosamente e lealmente, da fedeli ‘oltranzisti’, tenuto duro convinti delle loro ragioni. E di ragioni ce ne sono da vendere, se solo il la giustizia amministrativa farà il suo mestiere di analizzare e capire a fondo … visto cosa c’è dietro questa operazione anche con i risvolti penali indiretti che hanno interessato la costruzione dello Stadio della Roma, arrivando agli arresti di Parnasi, Palozzi e Civita, appena un anno fa.

Va anche sottolineato che, se ci sono i coraggiosi come Davide, da un lato, e sono certamente i consiglieri del M5S che hanno votato il percorso della sospensiva a Marino, dall’altro abbiamo ancora in campo politici ambiziosi e pronti a qualsiasi cosa pur di arrivare al potere, come il signor Stefano Cecchi, braccio destro del plurindagato ex sindaco Adriano Palozzi e compagno di ventura dell’ex sindaco condannato per corruzione e peculato Fabio Silvagni, tutti del centrodestra ovviamente.

Campagna elettorale a Marino: Cecchi, Palozzi e Silvagni per il Centrodestra

I “vecchi” politici: ambizione, presunzione e un unico obiettivo, arrivare al più presto al potere a Marino per ‘riprendere‘ in mano le trame ben conosciute del passato e l’operazione del cemento al Divino Amore, come il sig. Cecchi ha anche di recente dichiarato.

Che la gente lo ricordi quando gli capita di sfogliare i patinati opuscoletti elettorali del centrodestra mascherati da lista civica o di leggere le ricostruzioni fantasiose e ipocrite del presente che fanno quotidianamente i signori Cecchi e Palozzi.

Ma intanto vediamo cosa farà il TAR il 19 luglio. Alle prossime elezioni locali del 2021 ci si penserà a momento debito.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

4 Comments

  1. Non siete soli come il piccolo Davide
    I cittadini sono con voi
    Cosa possono fare per aiutarvi in questa situazione ?

  2. Il vergognoso comportamento del TAR che può permettersi, in ossequio alle sbagliatissime leggi nazionali (a proposito, perché non si mette mano a livello nazionale a questo schifo ?), di non discutere mai i ricorsi presentati dai Cittadini, con dispendio enorme di denaro e di energie , oggi si affretta a discutere la materia Divino Amore, perché portata alla sua attenzione dai tanti palazzinari della nostra Regione. Palazzinari più volte coinvolti in inchieste della Magistratura, che ha svelato le trame e i comportamenti corruttivi di finanzieri d’assalto, cementificatori di professione, e politicanti di bassa lega, che si accontentano di qualche spicciolo per deturpare irrimediabilmente il territorio in cui sono nati. La speranza è l’ultima a morire, il TAR dimostri di non essere prono agli interessi degli speculatori e ristabilisca quel minimo di legalità, indispensabile per conservare un la fiducia nelle Istituzioni. Un plauso a tutti coloro che da anni lottano contro il potere, mettendoci la faccia, le forze fisiche e psichiche ed il denaro; l’epilogo si avvicina, staremo a vedere se a vincere sarà il Male.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*