Assessore Trinca: “noi tuteliamo l’interesse pubblico”. Hanno da imparare molto Cecchi, Palozzi e il loro braccio destro ing. Petrini

— Sospensiva per il cemento al Divino Amore

In un recente articolo dell’opuscolo elettorale #Diciamolo del candidato a sindaco Stefano Cecchi, l’ing.  Stefano Petrini, ex dirigente all’Urbanistica a Marino nell’era del cemento legata a Palozzi e Cecchi, evidentemente ancora braccio destro dei politici del passato, auspicava in una sorta di sogno di poter finalmente dare ‘servizi’ ai cittadini di Marino riavviando i programmi edilizi del territorio, programmi interrotti dall’azione dell’attuale governo ‘grillino’. Ironicamente, il Petrini, identificava, anche in altri articoletti dell’opuscolo elettorale in questione, nell’azione del ‘prof. Andrea Trinca‘, il segno dell’assenza di pragmaticità e competenza espressa dai 5 stelle marinesi, con la conseguente assenza di risultati urbanistici che incidessero sulla vita dei cittadini di Marino.

Alcuni passaggi della recente nota del ing. Andrea Trinca, attuale assessore all’urbanistica del Comune di Marino a trazione M5S e guida Carlo Colizza, danno chiare risposte ai signori del cemento ing. Petrini, Cecchi e al loro ben noto mentore Palozzi.

“Ogni cittadino marinese e non solo “specifica Trinca” indistintamente dalle sue idee politiche, sono sicuro abbia sofferto e soffra nel vedere la deturpazione che da anni si sta perpetrando sul nostro territorio, personalmente ho avuto un tonfo al cuore quando ho visto disboscare e poi sbancare il crinale della collina ove poi si è edificata la tristemente nota edificazione di “Costa Caselle”. Che dire poi delle zone di via Quarto Sant’Antonio dove le belle vigne di una nostrana e tradizionale produzione vinicola hanno lasciato il posto ad un edificato anonimo e disordinato, così come in via Palaverta ed in molte altre zone del nostro Comune.

Ma soprattutto, tutta questa incontinenza edilizia, come dicevano i romani, cui prodest? a chi giova?

Sono forse migliorate le condizioni di vita dei cittadini?

Si è costruito forse un ambiente urbano più confortevole con maggiori servizi e maggiore accessibilità?

Purtroppo ogni cittadino di Marino conosce bene la realtà in cui viviamo quotidianamente, ben lontana dall’essere stata migliorata dalle nuove costruzioni.”

E qui si inserisce un’analisi che ha poco di tecnico e tanto di politica e di etica, e puntualizza quale sia il vero interesse pubblico che molti cittadini che hanno voluto combattere il cemento auspicano a Marino.

“Dunque nell’agire in primis come il “buon padre di famiglia” si rintracciano” continua Trinca ” le decisioni di questa amministrazione, nel voler tutelare il futuro dei nostri figli che in questo momento storico coincide con la tutela dell’ambiente, del territorio e dei beni comuni. Gli autori politici e materiali di questa enorme insensata speculazione ci accusano di cagionare un danno economico alla collettività, pertanto secondo costoro dovremmo sacrificare il territorio e il futuro dei nostri figli in nome del denaro. La verità è che siamo amministratori ma continuiamo ad essere cittadini comuni e che questo sacrificio non siamo disposti a compierlo, non ci è possibile sottrarci alla tutela dell’interesse pubblico ed al rispondere alla nostra coscienza.

E conclude l’ass. Trinca “Sospendere il “Divino Amore” è un atto che qualsiasi buon amministratore avrebbe dovuto aver intrapreso già da tempo perché la sospensiva trae la sua origine solo e soltanto nella tutela dell’interesse pubblico.”

Avranno capito i cementificatori Cecchi e Palozzi e anche il laborioso (specie con i mattoni e il calcestruzzo) ing. Stefano Petrini la lezione del ‘professor Trinca’ tornato da Panama per fermare il cemento con i colleghi del M5S?  … C’è poco da sperare da costoro che rappresentano il passato e il cemento … molto invece abbiamo, a nostro avviso, da riflettere sulle parole dell’assessore Andrea Trinca. Chi ha buon senso lo adoperi.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

  1. Chi ha interessi economici nella cementificazione e conseguente deturpazione dell’ambiente, se ne frega altamente di tutti i discorsi di ordine etico, ambientale, sociale. Costoro guardano solo al loro portafoglio e al loro benessere materiale, che dovranno però, come tutti, lasciare sulla terra…………..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*