La denuncia di Ivano Moretti sul malfunzionamento dell’Ospedale di Frascati

— Ivano Moretti, l'inquisitore di Stefano Cecchi

Riceviamo e pubblichiamo la lettera/denuncia del cittadino di Marino Ivano Moretti-

Marino, 3 Luglio 2020

PRESIDENTE GIUNTA REGIONE LAZIO

On. Nicola ZINGARETTI

Via Cristoforo Colombo 212

00145 ROMA

  1. p. c. DIRETTORE GENERALE ASL RM 6

Dott. Narciso MOSTARDA

Borgo Garibaldi 12

Albano Laziale (Rm)

 

OGGETTO:  D.LGS. 33/2013 – L. 241/90 – ASL RM 6 – OSPEDALE DI FRASCATI – SERVIZIO PRONTO SOCCORSO

– TAC – DISSERVIZIO PER GUASTO – RICHIESTA INFORMAZIONI.

 

Sig. Presidente Nicola Zingaretti,

 

sono un cittadino di Marino (Rm), che per motivi di urgenza, a difesa della salute di una persona cara, in data 30.06.2020, ha dovuto far ricorso al “Pronto Soccorso” della struttura ospedaliera di Frascati, il “San Sebastiano Martire”, della ASL RM6, Polo ospedaliero H1.

Ebbene, appena giunti in detto Pronto Soccorso, ore 8,30 circa, il medico responsabile resosi conto della gravità in cui versava la persona, adottate alcune misure sanitarie per il recupero e mantenimento della minima funzionalità vitale, ha subito fatto presente della urgente necessità di effettuare indagini radiologiche (TAC) per accertare che non vi fossero “emboli” a livello sia cerebrale che polmonare. Solo che detti accertamenti (TAC), riferiva il medico del Pronto soccorso, non potevano essere effettuati nell’Ospedale di Frascati, in quanto lo strumento (TAC) risultava guasto da circa un mese e, di conseguenza, inutilizzabile per qualsiasi necessità del Pronto soccorso. Lo stesso medico responsabile del Pronto soccorso, riferiva che appena sarebbe rientrata una ambulanza (ambulanze che, in assenza di una ben precisa regolamentazione o protocollo, vengono utilizzate anche da “irresponsabili” cittadini, che ne approfittano per farsi trasportare in ospedale per effettuare “semplici medicazioni” di precedenti interventi), avrebbero attivato il trasferimento della persona in stato di assoluta emergenza, in altra struttura ospedaliera dotata di TAC funzionante.

Alle ore 12,30 circa, però, considerata la situazione di emergenza e non avendo notizie riguardo la disponibilità di una ambulanza del servizio sanitario pubblico per effettuare il trasporto in altra struttura ospedaliera dotata di TAC funzionante, abbiamo dovuto far ricorso ad una ambulanza privata e trasportare la persona, in permanente stato di pericolo di vita, presso il Policlinico Casilino dove la TAC ha accertato la presenza di embolo polmonare che, in caso di ulteriore ritardo, avrebbe causato l’irreparabile !!  Il Policlinico Casilino, una volta accertato il pericolo (embolo polmonare) e definita la necessaria “terapia”, non ha provveduto al ricovero della persona interessata, che ha trasferito presso la clinica “Guarnieri” di Via Tor de Schiavi 139 – Roma, dove si spera possa superare ogni difficoltà, anche alimentare, visto che la paziente necessità di attenzioni particolari che il servizio sanitario pubblico, con le relative strutture ospedaliere e di supporto, non sembra essere in grado, o almeno non avere “interesse”, di assicurare. Il cittadino, stante la situazione accertata del “sistema sanitario pubblico”, deve forse affidarsi alla “divina provvidenza”?? Speriamo bene !!!

Ora, però, Sig. Presidente Zingaretti, rappresentato il fatto di cui sopra, come cittadino (contribuente) interessato, ed emotivamente coinvolto, voglio esprimere tutta la mia insoddisfazione per un sistema sanitario, che lei rappresenta al massimo vertice regionale, il quale non tiene assolutamente conto della salute del cittadino, soprattutto se avanti con l’età, in quanto sembra agire più in forma di “tentativo di atto dovuto” che non di “effettivo servizio pubblico” finalizzato ad assicurare la  tutela della sua salute, il più delle volte delegata ai familiari dei pazienti, che devono far fronte con proprie energie e responsabilità anche alle situazioni di emergenza, di particolare gravità. Una situazione di totale abbandono del cittadino in assoluto stato di bisogno, che non è più accettabile e tanto meno giustificabile anche in ragione dei continui milioni di soldi pubblici spesi, di cui si fa sempre più fatica a capirne e giustificarne le ragioni.

Al riguardo, quindi, voglio far rilevare e sottoporre alla Sua attenzione, quale Presidente della Regione Lazio, che sul sito web della ASL RM6 – per le specifiche attività che riguardano l’Ospedale di Frascati,  è dichiarato in modo alquanto falso che :

L’U.O. di Accettazione Pronto Soccorso è una struttura complessa dedicata all’attività diagnostica e terapeutica d’emergenza ed urgenza, funzionante H24 e rappresenta il collegamento fra servizi territoriali e l’ospedale. Assicura la risposta a tutte le situazioni di emergenza-urgenza che compromettono l’integrità psichica e fisica della persona e non siano risolvibili dal Medico di famiglia, dal servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) o dalle normali strutture specialistiche ambulatoriali…”.

Il sito web della ASL RM6, continua con la descrizione delle attività svolte presso l’Ospedale di Frascati dicendo, in modo falso, ingannevole e rischioso per la salute del cittadino, che “Il Pronto Soccorso garantisce: Gli interventi diagnostico-terapeutici d’urgenza….”.

Sig. Presidente Zingaretti, come si fa a dichiarare certe falsità, utilizzando termini che hanno un ben chiaro e preciso significato di sostegno, conforto, aiuto per la persona bisognosa, soprattutto se si tratta di un servizio di emergenza quale è il Pronto soccorso?? Come si può utilizzare il termine “GARANTISCE”, quando invece non è in grado di garantire un bel nulla visto che, a proposito della TAC, risulta essere guasta da circa un mese e comunque, soggetta a continue riparazioni (quante sono state e quanto sono costate complessivamente?) che sembrano durare il tempo di un “batter d’occhio”??  Quali “GARANZIE” ritiene di poter assicurare, in queste condizioni di totale inefficienza della TAC, al cittadino che arriva al Pronto soccorso dell’ospedale di Frascati, in stato di emergenza e necessità di cure per la propria salute e per la tutela della propria vita, se si considera l’importanza del tempo (perso) in certe situazioni ??

Sig. Presidente, voglio ricordare a Lei che è la massima autorità responsabile della Sanità nel Lazio e quindi anche dell’Ospedale di Frascati, che la Costituzione italiana riconosce il diritto alla salute, ben definito all’art. 32 che stabilisce: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti….”. Principio costituzionale che la Sua Amministrazione non sembra affatto stia garantendo e non solo nella circostanza sopra rappresentata che mi riguarda in modo diretto, perché personalmente ed emotivamente interessato.

Detto ciò, Le sarei grato se volesse informarmi, ai sensi del d.lgs. n. 33/2013, delle iniziative assunte dal responsabile della ASL RM6, per favorire la urgente riparazione, dal momento che da circa 30 giorni risulta sia stato informato della interruzione del servizio TAC presso l’Ospedale di Frascati, senza che alcun intervento riparatore sia stato eseguito con urgenza, con evidente danno per il cittadino in stato di necessità.

Sig. presidente, come è pensabile possa funzionare un servizio come il Pronto Soccorso, fondamentale per la salute e la vita del cittadino in stato di urgente bisogno, se non si ha cura di assicurare e mantenere la certa, costante efficienza delle strumentazioni di diagnostica, tipo la TAC ??

Inoltre, considerato il tempo d’uso e il prevedibile logorio del macchinario (TAC), “certificato” dalle continue rotture e guasti (riferiti dagli addetti) che ne impediscono il regolare funzionamento, per un efficiente ed efficace servizio al cittadino contribuente in stato di necessità, vorrei sapere se è stata prevista la sostituzione della TAC e, in tal caso, quali sono i tempi previsti per la eventuale sostituzione.

Si ringrazia per l’attenzione e per la risposta che si vorrà dare ai sensi dell’art.2, L. 241/90.

Un cittadino contribuente

Ivano Moretti

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

  1. Sono totalmente d’accordo con Lei, oserei dire che proprio le persone di una età avanzata corrono seri rischi a stare nelle strutture ospedaliere le quali, specialmente nel centro-sud d’Italia, sono diventati una sorta di subdoli, forse inconsapevoli, ma non troppo, “mattatoi”, per quanto esagerata questa espressione possa sembrare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*