Riunione straordinaria del CRIAAC aperta alla popolazione: Ryanair ritenta al Consiglio di Stato di incrementare i voli a Ciampino

di Marco Carbonelli
La strategia della compagnia Low Cost Ryanair per poter ritornare a disporre di più voli dall’aeroporto di Ciampino registra una nuova azione al rialzo. Poco importa agli affari che girano dietro alla compagnia irlandese e all’aeroporto di Ciampino se la legge italiana e il rispetto della salute dei cittadini del territorio circostante all’aeroporto per circa 15 anni sia stata aggirata ed elusa sul tema del rumore.
E poco importa se, dopo un Ministro con un Decreto nel 2018, anche il TAR abbia ribadito la necessità di ridurre i voli come previsto dallo stesso Decreto su Ciampino.
Da fonti del Comune di Marino si apprende in queste ore, infatti, che negli scorsi giorni Ryanair ha depositato un nuovo ricorso al Consiglio di Stato per richiedere, ancora una volta, con urgenza in forma cautelativa l’annullamento del Decreto del Ministro dell’Ambiente Costa del 2018, pretendendo anche di ‘riformare’ la sentenza del Tar Lazio del 17 marzo 2021 che, come detto,  aveva chiuso una vertenza amministrativa durata due anni sulla applicabilità del Decreto ministeriale di riduzione dei voli da 100 a 65.
Immediata e determinata la reazione del Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino CRIAAC che ha convocato una riunione straordinaria aperta alla popolazione per domenica 11 aprile alle ore 21 sulla piattaforma ZOOM.
Chi è interessato a partecipare alla riunione del CRIAAC può richiedere il link ZOOM al 351 8327709 o mandando una mail a .
Questo è il momento di partecipare per quella parte di popolazione di Marino che conosce il problema e che, dotata di buon senso e onestà intellettuale, capisce che non si tratta di spostare il rumore da Santa Maria a Frattocchie o da Frattocchie a Cava dei Selci, ma di ridurne l’entità totale in modo da rendere per tutti sopportabile il passaggio senza incidenze e ripercussioni sulla salute e sulla vita dai bambini, delle famiglie e agli anziani del territorio.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*