Italia Nostra di Marino sulle associazioni e il volontariato per la consulta

— dott. Mauro Abate

Comunicato  Stampa della Sezione di Marino di Italia Nostra

La Sezione di Marino di Italia Nostra condivide il progetto di costituire una “Consulta delle Associazioni e del Volontariato”, o altro strumento aggregativo, partecipativo e consultivo tra le associazioni, e di queste con l’Amministrazione comunale. Tuttavia la nostra Sezione si iscriverà a questo e ad altri strumenti se vi potranno accedere tutte le Associazioni marinesi, per piccole o grandi che siano, perché tutte espletano il compito, e il servizio, di dare voce e di conferire il contributo di tutti i cittadini marinesi, necessario alla promozione sociale e culturale di Marino. In sostanza devono valere i principi di democrazia e pari dignità e importanza di tutte le Associazioni, che rappresentano la fucina delle proposte e dei progetti dei cittadini.

Per le stesse ragioni, non saremo disponibili a fare parte di una Consulta o di altre formule – come proposto da qualcuno – secondo le quali potrebbero partecipare solo le associazioni in possesso di più complesse qualifiche e credenziali, richieste a livello nazionale alle associazioni, e che possono essere difficili da acquisire per le associazioni più piccole o recenti. Non saremo cioè disponibili a fare parte di una specie di “Superlega” di associazioni col bollino blu, pur avendo noi queste credenziali e pur essendo una delle più antiche associazioni nazionali (fondata nel 1955). Nei nostri principi c’è quello sacro di dare importanza, rispetto e ascolto ai cittadini, singoli o riuniti in gruppi intorno a degli ideali, esigenze e idee.

 

C’è tanto da imparare dagli altri prima di sentirsi idonei a proporre soluzioni per la comunità. Per partecipare agli strumenti consultivi proposti, dovrebbe bastare il semplice formale atto di costituzione associativa degli iscritti, eventualmente depositata in Comune, o l’essere associazioni già riconosciute a livello nazionale e operanti a Marino. Lo strumento formale e la denominazione dell’organo aggregativo devono seguire questi intenti, non il contrario, con argomentazioni legalistiche inadatte.

Dott. Mauro Abate

Presidente Sezione Italia Nostra di Marino

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*