Essere Marino sulla vicenda dei lingottini

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della coalizione Essere Marino-

Marino. Uso improprio di informazioni pubbliche. Uso becero del calendario “politico” che scippa il garbo istituzionale. Eccola la vicenda Lingottini al traguardo!
“Sia Essere Marino, a mezzo del portavoce, Mauro Avello, sia il PCI con la lettera aperta dell’ex assessore alla cultura e sport Maurizio Aversa, si sono già pronunciati sulla vicenda dei lingottini/medagliette di “Italia 90”. Ora, molto a sorpresa, il sindaco della giunta M5S che guida – a tempo scaduto, solo a causa della pandemia – il comune di Marino, annuncia esito del referendum consultivo e, al contempo, iniziativa per allocare i lingottini al Museo civico. In questo frangente noi confermiamo che: 1. Era ed giusta la posizione che avevamo assunto (non da soli) di non monetizzare a fini di beneficienza ciò che sarebbe stato un provento pari ad una mancia, e quindi non aver venduto un bel nulla. Come pure invece facevano trasparire dal M5S la propria preferenza in tal senso. 2. Era giusta e si conferma come evidente la nostra posizione politica, istituzionale ed amministrativa di non scaricare su un poco partecipato momento consultivo una scelta che deve impegnare la capacità di governare localmente chi è stato eletto per questo. Infatti la bassissima partecipazione indica chiaramente che erano Sindaco, Giunta e Consiglio comunale a dover dire la propria non fare scaricabarile. 3. Come non è elegante, anzi si rischia la beceraggine a voler strumentalizzare sentimenti, per quanto labili, pur sempre vivi nelle persone per le emozioni che suscitano, come quelle calcistiche; così ci attendiamo che non siano vere le calendarizzazioni proposte dal sindaco al Corriere della Sera circa una iniziativa di messa al Museo dei lingottini a settembre in piena campagna elettorale. Noi crediamo che ci sia del buon senso e della onorabilità delle persone, nonché amministratori pubblici, di voler indicare come date eventuali di questa operazione magari all’interno della Sagra dell’Uva o comunque dopo esito della consultazione amministrativa. Non è che l’Italia degli azzurri ha battuto l’Inghilterra per far fare uno spot elettorale a qualsiasi Colizza cinque stelle d’Italia! E poiché, direbbe Antonio con Shakespeare da Londra, Bruto è uomo d’onore, questo non lo farà. Noi non lo ripetiamo quattro volte a sottolineare l’onorabilità come necessaria critica, ma ci aspettiamo che se non “motu proprio” del Sindaco, almeno con parvenza di rispetto istituzionale, che la maggioranza induca a ragionare circa questa vicenda delle date e di non scegliere di calpestare sinceri sentimenti di tutti i cittadini tifosi della nazionale che sono assai trasversali rispetto ad etichette politiche.”. Così in una nota la coalizione Essere Marino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*