E’ morta Maria Ciavarella: Santa Maria delle Mole e Frattocchie si stringono alla famiglia Caccavale

— Maria Ciavarella

di Marco Carbonelli

Il 23 dicembre scorso all’ospedale di Tor Vergata si è spenta dopo un lunga malattia la dottoressa Maria Ciavarella. Nata nel 1962 a San Giovanni Rotondo- Foggia – Maria si era laureata giovanissima a Bari con il massimo dei voti in Scienze dell’Informazione e sin dalla fine degli anni ’80 aveva lavorato presso una delle aziende nazionali principali per la sicurezza e la difesa, con sede nell’area della via Tiburtina. Dal 1995 con Roberto Caccavale aveva formato la sua famiglia e Santa Maria delle Mole, crescendo i figli, due ragazzi davvero in gamba, Riccardo e Ilaria.

Maria Ciavarella, mite e sorridente, era conosciuta da molti oltre che per la sua professione anche per la sua disponibilità e umiltà.

Impegnata nel sociale e con la sua famiglia, sempre presente nella vita della comunità di Santa Maria delle Mole, da molti anni combatteva contro un malattia durissima che, nonostante le cure e le sofferenze, non le aveva tolto il sorriso.

Personalmente ho un ricordo nitidissimo della sua mitezza e della sua lucidità nelle analisi sul mondo che ci circonda, come anche della sua ferma determinazione nell’operare per costruire una società migliore, più solidale e attenta alle persone in difficoltà.

Con l’intera redazione di Noi Cambiamo e con l’Associazione per il Cambiamento, attraverso il suo presidente Claudio Tariciotti, oggi esprimiamo a Roberto, Riccardo  e Ilaria Caccavale la nostra vicinanza e il nostro dolore.

I funerali si svolgeranno lunedì 28 dicembre a Santa Maria delle Mole nel rispetto delle norme anticovid vigenti.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. Un sentito abbraccio e condoglianze a Roberto e ai suoi ragazzi per l’immane tragedia che li ha colpiti; il volto e lo sguardo di Maria resteranno sempre nella mente e nel cuore di chi l’ha conosciuta.

  2. Domenico Bancato
    Esprime sentite condoglianze a Roberto e Famiglia per la prematura grave dipartita della loro cara congiunta.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*