La lotta contro discariche e inceneritori e gli accertamenti della Polizia

Comunicato stampa e link  di “No Inc / Presidio Permanente No Discarica di Albano” e “Rete Ecologista Castelli Romani” –

https://www.facebook.com/noinc.presidiopermanente/

Nella giornata di ieri, 2 agosto, sono state notificate almeno 7 denunce da parte del Commissariato di P.S. di Genzano (Roma) nei confronti di altrettante persone, di ogni età e genere, che da anni si battono contro discariche, inceneritori e altre nocività ai Castelli Romani e non solo.

In particolare, viene loro addebitato un presidio non preavvisato lo scorso giovedì 28 luglio a Genzano per contestare il presidente della regione lazio, Nicola Zingaretti, che avrebbe dovuto  essere ospite alla festa organizzata dai cosiddetti “Giovani Democratici” (organizzazione giovanile del PD).

Nicola Zingaretti, per evitare la contestazione durante la campagna elettorale non si presentò nonostante fosse stata ampiamente pubblicizzata la sua partecipazione. Troppo scomodo per lui, sentirsi addebitati i disastri provocati avendo le deleghe su sanità e rifiuti.

Tuttavia era molto ingente il servizio d’ordine: polizia, carabinieri, vigili urbani e, seppur mentre il presidio di protesta stava smontando, anche il brivido di un immancabile blindato di celerini giunto da Roma.

Al quale, tra l’altro, si è abituati ormai da oltre un anno, visto che solo con enorme dispiego di forze dell’ordine le istituzioni possono far sversare 1.000 tonnellate di immondizia al giorno all’interno della discarica di Roncigliano.

Non sono le prime denunce che colpiscono il movimento ai Castelli Romani: a memoria, ne sono giunte a pioggia per assemblee fuori la discarica, per manifestazioni in discarica e ad Albano, per aver bloccato i TIR che sversano i rifiuti, per aver resistito alle violenze poliziesche e così via…in 15 anni di lotte, ne abbiamo viste tante.

Fa però specie che ieri a Genzano si sia andato un pelino oltre, visto che una persona che stava accompagnandone un’altra destinataria della denuncia è stata riconosciuta lì per lì da un solerte funzionario di polizia che voleva aggiungerlo seduta stante tra i denunciati.

A quel punto, dopo una discussione di qualche minuto, sono state fornite le generalità e poi il documento di identità. A nulla è bastato, perché il funzionario si era indispettito per la discussione e ha voluto procedere effettuando un vero e proprio abuso.

Ha infatti coattamente costretto la persona ad effettuare un fotosegnalamento presso il commissariato di Velletri. Il funzionario ed un altro agente lo hanno stretto tra di loro sui sedili posteriori della jeep della polizia, perché chissà magari avevano paura che si rotolasse fuori dallo sportello lungo l’appia e fuggisse in Svizzera, e lo hanno costretto ad una escursione velletrana per nulla piacevole.

Riportato a Genzano, è stato aggiunto nell’elenco dei denunciati per il presidio contro Zingaretti e, in più, ulteriormente denunciato perché, secondo il funzionario, non avrebbe fornito le sue generalità ieri. Invece, dopo una iniziale discussione e già prima del fotosegnalamento, il poliziotto aveva avuto sia le generalità che la carta di identità.
Tanto che nel verbale di polizia, il denunciato ha rifiutato di firmare la versione del funzionario e ha chiesto e ottenuto l’aggiunta di una propria dichiarazione in merito.

Nel frattempo, a Velletri ci si è arrivati mentre dalla radio in dotazione si cercavano volanti perché c’era da intervenire su donne molestate, litigi in famiglia e quant’altro. Tanto che il poliziotto alla guida, ha dovuto diminuire il volume perché c’erano ben 3 agenti impegnati ad effettuare un inutile fotosegnalamento che è durato un paio d’ore di servizio in tutto.

Tra l’altro, la persona che ha subìto tutto ciò ha più volte detto al funzionario e agli altri agenti che è dal 2010 che l’autorità giudiziaria ha già le sue impronte digitali per un errore  giudiziario mai sanato che gli stessi hanno compiuto all’epoca e che quindi se avessero voluto, avrebbero già trovato i dati biometrici nell’archivio a loro disposizione.

Niente di tutto questo è stato preso in considerazione dal funzionario che ormai aveva deciso che avrebbe dovuto andare fino in fondo.

Forse così avrà un curriculum arricchito da presentare ai suoi superiori.

E’ stato comunque inutile.

Non riescono a intimidire e a spaventare chi sa di lottare contro gli interessi mafiosi di Cerroni e dei suoi supporter politici.

Va però rimarcato che quando “La polizia s’incazza” (citazione cinematografica), in questo Paese, sa sempre quale parte servire: quella dei padroni del vapore.

E la legalità, tanto sbandierata, viene per fortuna trascritta nel foglio di denuncia, proclamando senza timidezza che si agisce in ottemperanza al “Regio Decreto 635 del 1940, articolo 294”, reato di manifestazione non preavvisata

Regio Decreto approvato un mese dopo l’ingresso dell’Italia nella seconda guerra mondiale.

E di cui vale la pena riportare l’incipit

“VITTORIO EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA’ DELLA NAZIONE RE D’ITALIA E DI ALBANIA IMPERATORE D’ETIOPIA

Veduto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con  decreto 18 giugno 1931-II, n. 773;

Veduto l’art. 1, della legge 31 gennaio 1926-IV, Udito il parere del Consiglio di Stato; Sentito il Consiglio dei Ministri; Sulla proposta del DUCE del Fascismo, Capo del Governo, Ministro per l’interno, di concerto coi Ministri per la grazia e giustizia e per la cultura popolare;

Abbiamo decretato e decretiamo.: E’ approvato l’annesso regolamento per l’esecuzione del testo unico, in data 18 giugno 1931-IX, n. 773, delle leggi di pubblica sicurezza, il quale regolamento sara’ visto e sottoscritto, d’ordine Nostro, dal DUCE del Fascismo, Capo del Governo, Ministro per l’interno.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d’Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi’ 6 maggio 1940-XVIII VITTORIO EMANUELE Mussolini – Grandi – Pavolini ”

Se è questa la “Grazia di Dio”, ce ne ricorderemo…

Vittorio Emanuele III, Mussolini, Grandi e Pavolini, ancora loro dettano legge nel 2022 nella Repubblica Italiana nata dalla Resistenza Antifascista e sui cui si basa la Costituzione: perché quando c’è da reprimere i movimenti popolari, un pò di fascismo fa comodo e per applicarlo serve chi in divisa o in toga operi conto terzi.

Nessun passo indietro! La lotta non si ferma!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*