La lunga intervista al nuovo assessore Andrea Trinca, un urbanista per Marino. Parte Prima

© Tutti i diritti riservati. Puoi condividere questa immagine seguendo la nostra policy

Atteso da molti, marinese doc ma trapiantato a Panama da alcuni anni per lavoro, torna creando grandi aspettative nella cittadinanza che lo conosce e che lo apprezza. Parliamo dell’ing. Andrea Trinca, professore di Urbanistica e Progettazione Urbana presso l’Università di Panama. L’ing. Trinca, o prof. Trinca che dir si voglia, lascia la sua cattedra internazionale e la sua ambita carica di responsabile in un importante Master, per tornare nella sua Marino come Assessore all’Urbanistica della Giunta a cinque stelle. Il suo obbiettivo dichiarato è dare il suo contributo nel riordinare uno degli ambiti più ‘violentati’ dalla malapolitica del centrodestra degli ultimi 10 anni, con speculazioni, cemento e malaffare. Trinca torna per riaffermare la superiorità del bene comune sugli interessi personali anche nello sviluppo del territorio, torna per una scelta di ‘cuore’, come ci ha detto lui stesso. Una lunga intervista, quella rilasciataci dall’ing. Trinca, che abbiamo diviso in tre parti che usciranno in tre giorni consecutivi su Noi Cambiamo. Da leggere, gustare parola per parola, come un buon testo o un buon bicchiere di vino che scalda il cuore.

Trinca, cosa l’ha spinta a lasciare la sua cattedra d’Urbanistica all’Università di Panama per rientrare a fare l’assessore a Marino?

Sicuramente per me non è stata una decisione semplice da prendere, sintetizzando posso dire che è stata una scelta di cuore.

Sono un cittadino italiano che, come ormai tanti connazionali, vive e lavora all’estero e che fuori dai confini nazionali ha trovato stimoli professionali e serenità personale, sono però profondamente legato all’Italia. Osservandola da fuori si prende ancor più coscienza del grande potenziale che abbiamo come Paese, soprattutto da un punto di vista culturale. All’estero si rendono perfettamente conto dello stretto legame che c’è tra cultura, sviluppo e progresso, la ricchezza delle tradizioni e delle culture sono la base della creatività e dell’ingegno per i quali il nostro paese, in passato più che oggi, si è messo in luce agli occhi del mondo.  Per questo è tanto più incredibile che in Italia attualmente non si utilizzi positivamente la grande ricchezza umana e culturale di cui disponiamo ma si inseguano modelli di sviluppo economico che mondialmente stanno mostrando grandi e drammatici limiti. Mi è stata data l’opportunità di lavorare con l’Università di Panama perché questa comunità accademica, dopo una selezione internazionale, ha riconosciuto nella mia professionalità alcuni punti di forza che avrebbero potuto arricchire la loro didattica, fornendo maggiori strumenti ai professionisti del futuro. In questa bellissima esperienza ho sentito il desiderio forte da parte degli studenti e dei colleghi professori di collaborare con passione in un progetto, con un’attitudine positiva che in Italia avevo dimenticato e per questo vi ho aderito con entusiasmo.  In questi anni però ho mantenuto i contatti con un’altra comunità, quella delle mie origini, la comunità marinese, d’altronde il mio cognome lo rivela essendo uno dei più comuni a Marino e con un nonno viticoltore mi considero pienamente un marinese d.o.c.. Prima della mia partenza, con molti concittadini marinesi ho condiviso passione e impegno civile a tutela del territorio e per la valorizzazione delle tradizioni locali. Ho seguito a distanza il percorso della campagna elettorale e la condivisione programmatica con quelle persone con le quali sono rimasto più in contatto, così quando il gruppo del Movimento 5 Stelle mi ha chiesto di inviare il mio CV per valutare la possibilità di collaborare non ho esitato ad inviarlo. Il resto è storia degli ultimi mesi, molte delle persone che ora formano parte della nuova amministrazione insieme al Sindaco Carlo Colizza hanno considerato le mie caratteristiche professionali e umane utili al difficile compito di governare e migliorare Marino. La passione e la voglia di cambiamento di queste persone con le quali ho comunicato, mi ha fatto sentire il richiamo a poter e a dover dare un contributo positivo al cambiamento della vita dei cittadini di Marino. Il sindaco, gli assessori e i consiglieri mi hanno manifestato la loro fiducia e la voglia di lavorare insieme per restituire a Marino un livello di qualità della vita più alto rispetto allo stato in cui versa. Ringrazio il Movimento 5 Stelle di Marino per aver tenuto in considerazione la mia persona nonostante la lontananza fisica di questi anni e spero di poter ricambiare con un buon lavoro questo attestato di fiducia di cui sento tutta la responsabilità.

Oggi a Marino ogni cittadino è perfettamente cosciente dello stato di degrado nel quale lentamente ma inesorabilmente è calato il territorio, degrado che si estende all’economia locale, sempre più debole e alle relazioni sociali. Sulla base di queste considerazioni ho deciso di mettere a disposizione della comunità marinese le mie competenze e la mia passione civile, c’è un forte bisogno di lavorare per il bene comune senza doppi fini ed il mio rientro in Patria è legato allo svolgimento di un compito istituzionale che assumerò unicamente con questo spirito. I Marinesi sei mesi fa con il loro voto hanno deciso di chiudere definitivamente con il malcostume e il malaffare che ha caratterizzato la fine dell’amministrazione precedente, visto quanto rivelato dalle note vicende giudiziarie, e che ha visto proprio nella gestione dell’urbanistica il centro di attività illegali, in un intreccio tra politica e impresa, seguendo un copione di un film già visto troppe volte. Dunque, per concludere, lascio quanto faticosamente conquistato in Centro America per sostenere e dare impulso in prima persona a quel cambiamento tanto auspicato e desiderato da tutti i cittadini me compreso.

Si dice che lei sia uno dei fondatori di Argine via Divino Amore (ADA) nonché l’autore delle perizie tecniche del ricorso ADA presentato nel 2011: cosa c’è di vero?

ADA è parte del percorso d’impegno civile e professionale cui facevo riferimento nella risposta precedente, ma in realtà la storia inizia molto prima. Correva l’anno 2003 quando da laureando e su invito dell’Ing. Marco Carbonelli partecipai ad un evento dell’Associazione Salviamo Marino. Si trattava di un esperimento e di un tentativo di far conoscere ai cittadini di Marino le tecniche di “Urbanistica Partecipata”, in quell’occasione ebbi l’opportunità di strutturare le ore di lavoro dell’incontro introducendo anche i principi base di questi innovativi metodi di pianificazione. Sono passati 13 anni da quell’evento ma mi sembra che i temi siano ancor più di scottante attualità. È sempre più forte la necessità di partecipare ai processi decisionali e di disegno del territorio attraverso l’impegno diretto di tutti i cittadini. Ringrazierò sempre Marco e l’Associazione Salviamo Marino per avermi dato quell’opportunità che ha orientato anche le mie scelte formative e professionali degli anni a seguire. L’associazione Salviamo Marino però non ha rappresentato solo il luogo nel quale condividere aspetti tecnici e professionali per analizzare, denunciare e invocare un uso responsabile del territorio, è stato anche il luogo dove ho ritrovato una comunità di persone unite solo dal senso civico e dalla volontà di rendere migliore Marino, questa idealità e questa solidarietà tra le persone ha sostenuto le mie speranze di cambiamento in anni nei quali sembrava che la gran parte delle persone fossero disinteressate o semplicemente più isolate rispetto al degrado che gradualmente ha investito il nostro territorio. Da quel contesto nacque ADA un’associazione con un obiettivo più specifico rispetto a Salviamo Marino ma che si basava e si basa sugli stessi principi e che negli anni ha raccolto molte adesioni. Sono ormai noti a tutti i dati quantitativi di questo intervento urbano in zona Divino Amore che prevede la realizzazione di un nuovo complesso residenziale e commerciale per oltre un milione di metri cubi per circa 12.000 abitanti. L’eloquenza dei numeri manifesta l’assurdità di questa pianificazione che non trova nessuna giustificazione in ragione della tecnica urbanistica e o della buona pianificazione urbana. Quando si sviluppò l’iniziativa di ADA fu subito chiaro che era necessario affrontare la questione da un punto di vista tecnico e giuridico con tutti i costi che un approccio di questo tipo comportano, ancora una volta la comunità che sosteneva e sostiene l’iniziativa diede un’incredibile prova di partecipazione civile, l’impegno in termini di tempo e in termini di contributo volontario da parte di normali cittadini che decisero di sostenere economicamente l’iniziativa fu incredibile.  In questo impegno comune personalmente ho dunque contribuito alla stesura della perizia tecnica posta a sostegno del ricorso presentato al T.A.R. del Lazio e che lì giace in attesa di pronunciamento incredibilmente dal 2011. La possibilità che oggi quelle forze positive d’impegno civile abbiano una voce diretta nell’amministrazione di Marino è merito del Movimento 5 Stelle.

Fine Prima Parte, continua

Altri articoli che potrebbero interessarti:

3 Comments

  1. Caro Andrea, le tue parole di questo pomeriggio in aula consiliare mi hanno commosso. L’amore per la città che stai dimostrando, per questa città stuprata a decenni di malgoverno e di personaggi impresentabili, è un regalo immenso ed immeritato per tanti tuoi concittadini.
    Sono certo, conoscendo la tua specchiata onestà e competenza, che saprai ridare al nostro Comune e al nostro territorio un minimo di credibilità e di vivibilità.
    GRAZIE !

  2. Caro Professor Trinca, GRAZIE – GRAZIE – GRAZIE , per avere accettato questo ruolo di grande responsabilità all’interno della nostra amministrazione a 5 stelle. Finalmente ci sarà modo di realizzare tutti i progetti di vivibilità e sostenibilità ambientale e territoriale, ad esclusivo beneficio dei marinesi.
    E’ finita l’epoca della cattiva politica e del malaffare, si aprono orizzonti di buon governo e di ben vivere. GRAZIE all’ing. Trinca, a Salviamo Marino, ad ADA, e alla nuova amministrazione del M5S !

  3. Contrario al divino amore sempre contrario alle 167 che hanno devastato il territorio contrario agli ampliamenti delle zone b e c che hanno portato nuove volumetrie senza la realizzazione dei servizi di pertinenza favorevole al recupero del patrimonio edilizio esistente su cui ha fondato la sua esperienza professionale dal 1971

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*