Da dove nasce la rotta su Santa Maria delle Mole degli aerei? La risposta di Tammaro in Consiglio Comunale, mentre la Commissione Aeroportuale viene rinviata a gennaio 2020

— Stefano Cecchi e il suo riferimento politico dal 2003, Adriano Palozzi

Nelle ore successive al rinvio della riunione della Commissione Aeroportuale sul Rumore che doveva decidere sulla rotta sperimentale di decollo degli aerei che tanto sta colpendo la popolazione di Santa Maria delle Mole, rinvio indicato da ENAC che ha fissato la nuova riunione al 15 gennaio prossimo, durante l’ultimo Consiglio Comunale di Marino del 12 dicembre scorso il Consigliere di maggioranza Matteo Correani ha posto un’interessante interrogazione in relazione alle responsabilità individuate che hanno reso possibile la sperimentazione di una nuova rotta di decollo degli aerei su Santa Maria delle Mole.

Ebbene, la risposta dell’Ass. Adolfo Tammaro è davvero interessante e riguarda il Consigliere di opposizione Stefano Cecchi che lo ha spesso attaccato pubblicamente proprio su questa rotta sperimentale su Santa Maria delle Mole. Come si dice “quel che fai prima o poi ti torna indietro!” e così è stato per lo sbadato Cecchi.

Tammaro espone al Ministro Costa il problema del rumore e delle rotte degli aerei su Marino

Capiamo meglio la questione proprio dalle parole di Tammaro in Consiglio Comunale: “A luglio 2010 il Consigliere Stefano Cecchi come delegato del sindaco Palozzi firmò l’approvazione della Zonizzazione Acustica Aeroportuale.  Con questa approvazione è stato autorizzato il sorvolo di Cava dei Selci e Santa Maria delle Mole con un limite di rumore, molto alto, fino a 65 decibel. Aeroporti di Roma/ENAC “ continua Tammaro “fanno riferimento diretto a questa Zonizzazione Acustica Aeroportuale nel momento in cui chiedono l’approvazione definitiva della rotta sperimentale di decollo volata da Gennaio 2019. Per restare all’interno della Zonizzazione Acustica Aeroportuale costringono  gli aerei in decollo ad una virata anticipata a 827 piedi contro i 1500 piedi delle rotte precedenti. In aggiunta all’errore di aver approvato una Zonizzazione Acustica Aeroportuale dannosa per la popolazione si aggiunge che non risultano mai avviate (dal 2010, ndr) le necessarie procedure di recepimento della Zonizzazione all’interno degli strumenti urbanistici. Quindi nessun vincolo è stato comunicato in sede di rilascio delle licenze edilizie  dopo Luglio 2010 all’interno dei limiti territoriali  della Zonizzazione Acustica Aeroportuale.”

Per capire meglio le parole di Tammaro pubblichiamo di seguito la grafica della Zonizzazione approvata nel 2010 che con i colori fa immediatamente comprendere come le zone di Cava dei Selci e S. Maria delle Mole siano inserite nella zona VERDE, cioè nell’area a 65 dB, con scuole e residenze.

Si badi bene che per la zonizzazione comunale queste aree dovrebbero invece godere di un limite molto più basso di rumore per legge, per esempio l’area delle scuole non dovrebbero superare i 45 dB e le aree residenziali i 55 dB … Un bell’inguacchio, dunque, che ha un nome e un cognome da sottolineare con il rosso …

Al termine della sua risposta, l’Assessore Tammaro, che da tre anni sta seguendo in prima persona con il Sindaco Colizza la questione Aeroporto e che è tra gli artefici di una serie di atti politico amministrativi in sede di commissioni regionali e ANCI che hanno condotto a dicembre 2018 al Decreto Costa per la riduzione dei voli, ha affermato che lato TAR il Comune di Marino ha intenzione di costituirsi a brevissimo  – affianco al Ministero dell’Ambiente e alla Regione Lazio – in opposizione ai ricorsi di Ryanair al fine di ottenere il respingimento di tutti gli atti che cercano di bloccare il piano di diminuzione del rumore previsto dal Decreto del Ministro Costa.

 

 

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

2 Comments

  1. Ci vuole la riduzione dei voli e bene fa il comune a chiederla in tutti i modi, bene fanno gli amministratori a supportare un comitato serio e preparato come il CRIAAC.

  2. Parlate tanto di questa rotta senza voler capire che ad oggi è in assoluto la migliore mai attuata, vengono in un sol colpo salvati il centro urbano di cava dei selci, di Santa Maria delle mole, e di Frattocchie, il sorvolo delle restanti parti viene effettuato a quota maggiore, quindi di cosa ci si vuole lamentare? Chiedete la chiusura di ciampino e la delocalizzazione dei voli su Latina già pronto all’uso, e non di evitare santa Maria a scapito di cava dei selci e Frattocchie che non sono frazioni di seconda categoria

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*