E’ morto in un incidente sul lavoro Roberto Grossi, imprenditore di Frattocchie

— Roberto Grossi
A causa di un terribile incidente sul lavoro avvenuto a Pomezia è deceduto l’8 giugno Roberto Grossi, di 49 anni, persona conosciuta a Frattocchie e Due Santi per la sua attività imprenditoriale nel settore edile e civile. Marito e padre, lascia la sua famiglia e una piccola nipote.
Impegnato da molto tempo sia in ambito sportivo, nella presidenza e gestione di squadre locali, sia in politica locale affianco ad Adriano Palozzi prima in Forza Italia ora in Cambiamo con Toti.
Grossi sarebbe stato certamente tra i protagonisti della prossima campagna elettorale con il suo supporto alle liste che con entusiasmo seguiva. Ma un triste destino lo aspettava sul tetto di un capannone a Pomezia l’8 giugno.
Molteplici le dichiarazioni della politica dal centrodestra al centrosinistra in ricordo dell’imprenditore scomparso, con Adriano Palozzi  che ha dichiarato: “Sono davvero sconvolto. Per me, Roberto era un fratello, un grandissimo amico, che conoscevo da anni e con il quale ho condiviso tanti momenti prima di vita personale e poi anche politica. Una persona straordinaria, solare, un uomo dai grandi valori umani, con la battuta sempre pronta, Roberto lascia un vuoto incolmabile nel mio cuore e in quello di tutta la nostra comunità“.
Anche la candidata Gabriella De Felice lo ha così ricordato: “Dolore e sconcerto ci colpiscono ancora una volta da vicino. Un tragico incidente sul lavoro, oggi a Pomezia, ci ha portato via  un amico sincero,  gettando noi tutti in uno sconforto profondo. Resterà sempre vivo il ricordo della sua risata fragorosa, del suo carattere gioviale e pieno di vita che in passato lo ha reso capace di superare  prove  impegnative per la salute, dalle quali si era ripreso con formidabile piglio e grande forza di volontà.
La nostra redazione di Noi Cambiamo si unisce in questo tristissimo momento alla famiglia di Roberto in un frangente drammatico nel ricordo della sua figura.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1 Comment

  1. Non lo conoscevo, l’ho incontrato due volte mentre salutava un comune amico con il quale stavo parlando: sorriso aperto e occhi luminosi e sinceri, battuta pronta, immediatamente simpatico e affabile. Una persona positiva e buona, che si faceva amare, anche da chi non lo conosceva. Le condoglianze più sincere alla famiglia, che sta soffrendo questa assurda disgrazia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*