Intervista a Sabina Barzilai sulla Sala Teatro Vittoria: oltre 8000 spettatori e 100 spettacoli in circa tre anni (prima parte)

— Direttore Artistico Teatro Vittoria, Sabina Barzilai

Sono ripartite le attività della Sala Teatro Vittoria a Marino gestita dall’inizio del 2017 dall’Associazione culturale Artemista, dopo un lungo periodo di rallentamento, prima, e fermo, poi, dovuto all’emergenza sanitaria COVID19. Per capire di più sulla ripartenza delle attività abbiamo incontrato e intervistato Sabina Barzilai, la Direttrice Artistica della Sala Teatro Vittoria, con l’obiettivo di comprendere il lavoro svolto in questi quasi quattro anni di gestione del Teatro, anche per chiarire tante illazioni e inesattezze che sono state diffuse sui social locali di recente.

Direttrice Barzilai, ci può parlare dell’associazione Artemista e della sua attività?

Innanzitutto mi preme raccontare cosa è Artemista e cosa ha fatto dalla sua costituzione ad oggi, soprattutto negli ultimi tre anni. Artemista nasce nel 1995 ad opera di un gruppo di artisti ed operatori teatrali e docenti. Io mi sono diplomata nel 1987 alla scuola di Gigi Proietti, corso professionale regionale gratuito con borsa di studio e provino di selezione. Negli anni abbiamo gestito decine di bandi comunali e regionali. Per 10 anni circa abbiamo collaborato con l’allora Provincia di Roma. Nel 2004 siamo stati riconosciuti dall’allora Ministero per lo Sport Turismo e Spettacolo (oggi MiBACT Ministero di Beni e Attività Culturali e per il Turismo).

Questi riconoscimenti sono difficili già di per sé per delle associazioni professionali come la nostra a maggior ragione lo sono per delle associazioni locali che necessitano comunque sostegno. Riconosciamo che le associazioni locali vanno aiutate e sostenute dagli Enti Pubblici in termini e economici e materiali laddove sia possibile. Ma va specificato che La Sala Vittoria nasce come Sala-Teatro con una destinazione d’uso ben precisa e non è adatta ad ospitare contemporaneamente vari organismi con specifiche esigenze. Ci sono altre strutture sul territorio del Comune di Marino che posso essere prese in considerazione a tale proposito come spazi abbandonati o piccoli locali di proprietà comunale liberi/sfitti.

Ma come è andata la questione dell’assegnazione nel 2016 attraverso un bando della Sala Teatro di Marino. Si sono sentite tante versioni, alcune recentissime evidentemente inesatte e strumentali. Qual è la sua ricostruzione?

Verso la fine del 2016 il Comune di Marino ha emanato un bando nazionale, pubblico, per la gestione di una Sala Teatro Comunale, ribattezzata Sala Teatro Vittoria (in onore di Vittoria Colonna). Oltre a noi ha partecipato un’altra associazione professionale, con sede legale nel Lazio, che opera anch’essa ai Castelli Romani. Artemista ha presentato un progetto molto articolato ricco sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo ed abbiamo vinto il bando, totalizzando il punteggio più alto. Abbiamo accettato il confronto, lavorato, studiato “se non giochi non vinci”. Dai primi mesi del 2017 ci siamo messi al lavoro con decine di persone, Associazioni di Marino, davvero in molti ci hanno aiutato. Da soli non sarebbe stato possibile attrezzare nei limiti delle nostre possibilità il teatro che era vuoto. Colgo l’occasione per ringraziarli davvero tutti di cuore, senza di loro la Sala Vittoria non esisterebbe. Abbiamo portato le tavole del nostro palcoscenico, fatto fare i lavori dal fabbro per graticcia, allestito camerini ed il foyer, investendo lavoro, energie e risorse economiche personali e sociali. Artemista è un’associazione senza fini di lucro che riunisce professionisti dello spettacolo che di questo vivono.

Debbo anche dire che l’Ente Comunale è stato molto collaborativo, realizzando la volontà politica di aprire questo spazio abbandonato da decenni a beneficio della comunità. Nel 2017, appena partiti, abbiamo partecipato anche al Bando delle Officine Culturali ed abbiamo vinto il contributo della Regione Lazio.

Alcuni, a volte con improbabili videointerviste di livello folcloristico se non comico, dicono che la vostra attività sia stata insufficiente o dequalificata: cosa può rispondere e quali numeri può presentare a riguardo?

Nel triennio 2017-2020 fino a febbraio abbiamo collaborato con un totale di 62 organismi, di cui la metà associazioni di Marino. La collaborazione con le Istituzioni è stata molto proficua: Comune di Marino, Regione Lazio, SBCR, Diocesi di Albano, tutti gli Istituti comprensivi statali e le scuole paritarie del Comune di Marino; Liceo Artistico Amari-Mercuri di Marino; Liceo Foscolo di Albano; Istituto Comprensivo Vito Volterra di Ariccia; l’Università di Dallas con cui portiamo avanti un progetto didattico-teatrale da tre anni.

I dati aggregati delle tre Stagioni parlano da soli, totale spettatori: oltre 8000 presenze; oltre 100 tra spettacoli ospitati ed eventi estemporanei; 170 partecipanti all’attività di formazione; con 15 spettacoli programmati e non realizzati per il Covid; 540 ore di formazione, laboratori, seminari, stage. Tutti dati ufficiali trasmessi alla Direzione Cultura e Politiche Giovanili – Area Spettacolo dal Vivo della Regione Lazio.

Questo è stato possibile perché tante persone hanno lavorato ai minimi del rimborso spese. L’esiguità dei fondi non dipende dalla buona volontà degli Enti Locali ma è un cancro nazionale.

L’intervista continua in una seconda parte tra qualche giorno.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*