Sonia Pecorilli: la candidata Presidente per la Regione Lazio presentata dal PCI

Avviamo con questo articolo un approfondimento specifico sui candidati delle diverse forze politiche che si contendono la Presidenza della Regione Lazio.

Il PCI, per questa competizione elettorale 2023 nel Lazio, ha presentato  Sonia Pecorilli quale candidata alla presidenza della Regione: quarantenne, iscritti al PCI nella federazione di Latina, Sonia Pecorilli è una operatrice sanitaria e la sua Lista presenta come capolista Lucia Addario, ‘operaia nel settore delle pulizie, figlia e nipote di partigiani‘. Ecco le riflessioni di un comunicato del PCI a riguardo della sua candidata alla Presidenza.

Esplicito il forte sostegno del mondo del lavoro della Lista PCI ” precisa il comunicato “caratterizzata per tantissimi candidati che sono appartenuti o tutt’ora appartengono concretamente, quotidianamente, al mondo del lavoro: operai, impiegati, insegnanti, artigiani, professionisti. la presentazione della candidata è stato trasmesso con diretta FB dalla pagina PCI Partito Comunista Italiano-Roma (https://fb.watch/ie7L732ZYj/)”.

Durante la presentazione della candidata Pecorilli, il segretario regionale del PCI Lazio ha esposto come “nella individuazione di una proposta alternativa agli errori gravi e sostanzialmente allo sfacelo delle politiche della sanità, della difesa dell’ambiente, delle politiche atte a creare lavoro, il PCI è stato compatto. Così come lo è stato nell’individuare nel mondo del lavoro la risposta per poter governare in modo completamente nuovo la Regione; ed in questo, medesima compattezza nell’individuare in Sonia Pecorilli, una lavoratrice della sanità la vera guida alternativa per la Regione Lazio”.

Anche il segretario nazionale del PCI, Mauro Alboresi, che ha voluto con la propria presenza e quella di tanti dirigenti nazionali, sottolineare “l’oggettiva rilevanza dell’appuntamento elettorale del Lazio, che certo ha valenza per i milioni di cittadini e lavoratori di Roma e di tutta la Regione, ma che si innesta in una sorta di prova per politica generale. Infatti” ha continuato Alboresi “occorrerà vedere se su questo governo di destra-centro dove ormai è tanto il peso della storia fascista a cui si rifanno i vari dirigenti/ministri che circondano la presidente del Consiglio, comincerà a pesare la valutazione di molti delusi per le promesse, anche quelle immediate, lanciate e già smentite. Noi comunisti, per parte nostra, presenti in questa competizione regionale del Lazio siamo convintamente schierati dalla parte del nostro blocco sociale di riferimento, i lavoratori e gli ultimi. Ecco perchè, riteniamo positive certe critiche che ‘finalmente’ emergono in modo chiaro anche dalla Cgil, e che potrebbero aiutare, in una rinnovata stagione di lotte contro precariato, contro sfruttamento e morti sul lavoro, a mettere in evidenza la portata straordinaria della lista di lavoratori proposta e Sonia Pecorilli, una lavoratrice alla guida della Regione Lazio. L’obiettivo del superamento dello sbarramento è a portata di mano perchè c’è una buona proposta politico amministrativa, perchè c’è l’assenza di altre organizzazioni della sinistra di classe, perchè non sta pagando l’errore compiuto da Unione Popolare e Rifondazione di non accedere alla nostra proposta di unità di coalizione. Avanti nel Lazio con Sonia Pecorilli presidente e col PCI a rappresentare il mondo del lavoro!”.

Dal canto suo, Sonia Pecorilli, con una punta di emozione ha voluto immediatamente portare alla Conferenza Stampa e all’assemblea una notizia: “c’è stato il sorteggio per il posizionamento nella scheda dei vari simboli. Dopo 32 anni, il PCI è tornato presente con la falce e martello sulla scheda elettorale del Lazio, ed è il primo in alto a sinistra!”.

Quindi, la candidata comunista ha proseguito: ”voglio presentare in questo consesso tutti e tutte le candidate e i candidati perchè sono la vera forza di questa scelta di alternativa e perchè sono i rappresentanti di un percorso che ha visto in queste settimane decine e decine di compagne e compagni raccogliere le firme per poterci presentare nella competizione. Certamente la spinta di cui siamo portatori è l’insieme della risposta che mettiamo in campo per la capitale d’Italia e per tutta la Regione. Noi vogliamo affrontare e risolvere, e per questo sto accogliendo i tanti contributi programmatici che ci vengono da gruppi, associazioni, organismi e perfino da singoli.  Il nostro NO all’inceneritore a S.Palomba, l’allarme scorie d’origine nucleare nel viterbese, la Valle del Sacco emergenza nazionale, sono questioni che non possono essere gestite come una pratica burocratica! Allo stesso modo, le questioni della sanità, con in capo a tutte la privatizzazione esasperata di tutti i rivoli in cui far incuneare il sistema della sanità privata va respinto, si deve tornare allo spirito della sanità pubblica, gratuita ed universale, come già è stato possibile impostare nel nostro Paese. Per non dire del respingimento degli effetti della cosiddetta autonomia differenziata, che già nella scuola fanno vedere gli effetti devastanti”.

“Infine, il nostro programma, ciò che rappresenterò” ha concluso Sonia Pecorilli “dovrà avere effetto immediato per il lavoro, con scelte a sostegno dei lavoratori e della occupazione accompagnata sempre dalla dignità e dalla sicurezza; così come ai bisogni primari quale quello della casa, in città piene di case vuote e gente senza alloggio, vanno date risposte certo di welfare per l’immediato, ma risposte strutturali che affermino il sacrosanto diritto alla casa. Noi non staremo silenti a vedere giovani e società senza riferimenti culturali, o addirittura, con false riconversioni di cultura dall’alto come certi ministri paventano: noi sosterremo dal diritto allo studio – altro che scuola lavora mortifera!- al diritto alla diffusione e fruizione culturale”.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*